No, gioiellino non è un termine desueto. Capita, talvolta, di ritrovarlo in sala: Banana, scritto e diretto dal torinese Andrea Jublin, classe 1970, già candidato all’Oscar per il bel corto Il supplente. Protagonista è un 14enne (Marco Todisco, wow) buffo, sensibile, appunto, col piede a banana, che sogna il Brasile e una vita all’attacco.

Problema, i genitori sono rassegnati, la sorella Emma (Camilla Filippi, deliziosa) è a rischio catenaccio, la professoressa Colonna (Anna Bonaiuto, che classe) beffarda e Jessica, la compagna di classe di cui è perdutamente innamorato, non lo ricambia: che fare? Su spartito tragicomico, Jublin riesce a comporre un samba di formazione inconsueto per il nostro cinema, soprattutto negli esiti felici: mutatis mutandis, Banana è quel che avrebbe voluto essere L’intrepido di Amelio, forse pure Il ragazzo invisibile di Salvatores.

Arriva su pochi schermi grazie a Good Films, dice verità (in)confessabili sul nostro sopravvivere oggi e offre almeno due chicche: l’Iliade come fosse una partita di calcio, con Achille e Agamennone in attacco, e le stelle, che vediamo brillare ma potrebbero già essere morte, come metafora della nostra resa. Da non perdere.

Dal Fatto Quotidiano del 15 gennaio 2015