No, gioiellino non è un termine desueto. Capita, talvolta, di ritrovarlo in sala: Banana, scritto e diretto dal torinese Andrea Jublin, classe 1970, già candidato all’Oscar per il bel corto Il supplente. Protagonista è un 14enne (Marco Todisco, wow) buffo, sensibile, appunto, col piede a banana, che sogna il Brasile e una vita all’attacco.

Problema, i genitori sono rassegnati, la sorella Emma (Camilla Filippi, deliziosa) è a rischio catenaccio, la professoressa Colonna (Anna Bonaiuto, che classe) beffarda e Jessica, la compagna di classe di cui è perdutamente innamorato, non lo ricambia: che fare? Su spartito tragicomico, Jublin riesce a comporre un samba di formazione inconsueto per il nostro cinema, soprattutto negli esiti felici: mutatis mutandis, Banana è quel che avrebbe voluto essere L’intrepido di Amelio, forse pure Il ragazzo invisibile di Salvatores.

Arriva su pochi schermi grazie a Good Films, dice verità (in)confessabili sul nostro sopravvivere oggi e offre almeno due chicche: l’Iliade come fosse una partita di calcio, con Achille e Agamennone in attacco, e le stelle, che vediamo brillare ma potrebbero già essere morte, come metafora della nostra resa. Da non perdere.

Dal Fatto Quotidiano del 15 gennaio 2015

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Steno, 100 anni fa la nascita del regista che diresse Totò, Sordi, Fabrizi

prev
Articolo Successivo

Gemma Bovery, Anne Fontaine rilegge l’amore di oggi con gli occhi di Flaubert

next