Stiamo trasferendo i minori in un altro centro. Sono quelli che non sopportavano più tutti la tensione accumulata in questi giorni e la segregazione“. Così Gabriella Errico della cooperativa il Sorriso commenta il trasferimento deciso dalle istituzioni dopo quattro giorni di tafferugli tra forze dell’ordine e abitanti di Tor Sapienza, periferia di Roma, esasperati dalla presenza di immigrati del centro di accoglienza. “La tensione è altissima e – prosegue la Errico  – adesso al disagio del quartiere si aggiunge la perdita del lavoro per cinquanta operatori della cooperativa”. “Non ci basta – rispondono però i residenti – devono tornare al paese loro. Se li spostano in un’altra periferia non si risolve niente”  di Annalisa Ausilio