Stiamo trasferendo i minori in un altro centro. Sono quelli che non sopportavano più tutti la tensione accumulata in questi giorni e la segregazione“. Così Gabriella Errico della cooperativa il Sorriso commenta il trasferimento deciso dalle istituzioni dopo quattro giorni di tafferugli tra forze dell’ordine e abitanti di Tor Sapienza, periferia di Roma, esasperati dalla presenza di immigrati del centro di accoglienza. “La tensione è altissima e – prosegue la Errico  – adesso al disagio del quartiere si aggiunge la perdita del lavoro per cinquanta operatori della cooperativa”. “Non ci basta – rispondono però i residenti – devono tornare al paese loro. Se li spostano in un’altra periferia non si risolve niente”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cei, appello dei vescovi: “I preti pedofili non siano abbandonati a loro stessi”

next
Articolo Successivo

Roma, tenta di sfrattare abusivi nel suo alloggio popolare: gambizzato

next