Obiettivo raggiunto, per questioni di cuore, se così si può dire. Vladimir Luxuria ha ricevuto la benedizione alla proposta di Renzi (unioni gay alla tedesca) da Silvio Berlusconi, ad Arcore, un tempo tempio di amori proibiti divenuto santuario di amore fedele.

Tutto merito di Francesca…
Sì, certo. Anche se lei, come me, è favorevole al matrimonio per tutti ma questo è comunque un passo importante.

L’ha trovato in forma?
In vena. Ha declamato Dante.

Scommetto l’Inferno, Canto V: il Cerchio, i Lussuriosi… “Amor, che a nullo amato amar perdona, / mi prese del costui piacer sì forte…”.
(Ride) Ha raccontato anche barzellette ma non offensive. E ironizzato sull’arrivo di Putin: oggi ad Arcore c’è Vladimir Luxuria, domani Vladimir Putin.

A proposito, le ha mostrato il lettone di Putin?
No, però mi ha mostrato la famosa sala del bunga bunga, ho chiesto dove fosse il palo della lap-dance, mi ha risposto sorridendo che non è mai esistito e mi ha fatto visitare anche la Cappella.

Un Berlusconi redento…
L’amore è cieco e lui mi sembra cotto. Poi, come Papa Francesco dice: “chi sono io per giudicare i gay”? Io dico: chi sono io per giudicare gli etero?

Com’era vestita per l’occasione?
Leggings e maglia argentata, non mi sono cambiata, stavo andando a Milano per la diretta di Radio Capital quando Francesca mi ha telefonato per invitarmi a cena.

Chi l’ha ricevuta?
Dudù seguito da Dudina. Poi mi sono venute incontro Francesca, la segretaria Alessia Ardesi e Debora Bergamini. Infine ci ha raggiunte Berlusconi.

E avete subito affrontato lo spinoso argomento?
No, prima mi ha edotta sui sondaggi sul gradimento degli italiani per gli animali, e pensi mi ha anche letto una poesia di Madre Teresa di Calcutta sugli animali. Abbiamo toccato tanti argomenti, compreso quello sui nuovi assetti di Forza Italia.

Ci dice le news?
Non posso, ho promesso di tacere. Posso svelare la certezza che Forza Italia non si riunirà mai con Ncd, che ad Alfano toccherà la sorte di Fini, che il travaso al contrario è già iniziato con il ritorno a casa di D’Alì. 

L’ha nominata sua confidente. La prossima volta lo voterà?
No, ho già fatto un cambiamento nella mia vita e mi basta. Voterò a sinistra.

Cioè il Pd?
Ho detto a sinistra se riusciranno a farla rinascere, altrimenti mi voterò ai Santi.

A proposito, Berlusconi è soddisfatto di Renzi?
Sì, dice che Renzi sta attuando molte battaglie di Forza Italia, come l’abolizione dell’art 18, lo sgravamento dell’Irap per chi assume a tempo indeterminato ecc… che se avesse fatto lui un decimo di quello che sta facendo Renzi lo avrebbero trafitto. Debbo dire che mi ha colpito l’attenzione con cui mi ascoltava. Mentre parlavo prendeva appunti su un block notes. Mi ha detto che è contrario al matrimonio omosessuale, perché matrimonio deriva dal latino matrimonium, mater più munus (dovere) ma è favorevole alla proposta di Renzi che si rifà alle unioni civili alla tedesca che contemplano le adozioni all’interno della coppia omosessuale e quando la madre biologica muore il figlio non viene tolto ribadendo che un bimbo ha il diritto di vivere nel contesto in cui è cresciuto.

È fatta allora: il Patto del Nazareno si arricchirà di un nuovo file. Sistemati anche Gasparri da un lato e Fioroni dall’altro.
È un accordo di civiltà. Il Pd è spaccato, la proposta non passerebbe senza FI: bisogna superare l’ostacolo della pensione di reversibilità che vede Brunetta contrario, lo dice la Gelmini.

C’era anche la Gelmini a cena?
È arrivata che eravamo già al dolce. Ho spiegato a Berlusconi che le mie tasse servono anche per pagare le pensioni di reversibilità, non capisco perché si debbano negare ai gay e alle lesbiche e Berlusconi mi ha dato ragione.

Da Il fatto quotidiano del 15 ottobre 2014