Questa nuova legge elettorale è così brutta che, se la vedesse Giacomo Acerbo, in confronto si sentirebbe quasi democratico. L’Italicum, anzi Troiaium, sancisce con orgoglio una palese stortura: una forza minoritaria avrà la maggioranza. A questo allegro abominio, che consente alle coalizioni di prendere anche i voti dei piccoli partiti che non hanno superato la soglia, non era arrivato neanche Mussolini con la legge elettorale approvata il 18 novembre 1923.
Perché il Troiaium fa schifo? Potrei rispondere: “Perché ne sono entusiasti Boschi e Faraone“, e già questo basterebbe, ma voglio andare oltre. Purtroppo fa schifo per motivi molto più seri.

1) Perché è stata scritta da Verdini, noto giglio di campo. Siamo passati da Calderoli a Verdini: un po’ come uscire dal morbillo ed esultare perché adesso abbiamo solo la varicella.

2) Perché è stata scritta per fare felice un condannatopregiudicatodecadutoeccetera, e in effetti se Berlusconi se la fosse scritta da solo non gli sarebbe venuta così bene.

3) Perché è stata varata non con l’idea di essere giusta, ma con l’idea di “essere”. E basta. Renzi, pardon Matteo Peppo Pig, ne ha bisogno per poter dire: “Visto? Io sono l’uomo del fare”. Che poi lui faccia bischerate e non riforme, è dato secondario. Per lui e per i media, che – quasi tutti – lo stanno esaltando come se fosse non il nuovo Mister Bean ma il nuovo Blair (e comunque, se lo chiedete oggi a un inglese, anche Blair da quelle parti non è che sia ritenuto ‘sto gran complimento).

4) Perché l’unico obiettivo dichiarato è violentare la natura degli italiani, politicamente frammentati più di un pensiero di Giovanardi, e dunque mai e poi mai riducibili al bipolarismo (o meglio: gli italiani sono spesso bipolari, ma in senso psichiatrico. Non politico). Questo è un paese come minimo a ripartizione tripolare e il Ministro Mauro si è lasciato sfuggire che l’unico obiettivo è uccidere i 5 Stelle. Un obiettivo che non può riuscire, perché una forza ampiamente sopra il 20 percento non puoi distruggerla: ma limitarla sì (A margine. Più la cosiddetta “casta” agisce così, più porta voti al M5S. Questi qua sono tanto miopi quanto arroganti).

5) Perché mantiene tutte, ma proprio tutte, le storture del Porcellum: il premio di maggioranza, che scatta al 37% ma pur sempre scatta (e regala un premio abnorme); lo sbarramento, con cifre esose e spietate (ma con eccezioni mirate, e poi ci arrivo); e la mancanza delle preferenze, più volte promesse da Matteo Peppo Pig. In compenso ci sono ancora le liste bloccate, anzi i listini bloccatini: toh, che miglioramento.

6) Perché questa legge uccide tutte le forze che stanno sotto l’8% e non accettano di coalizzarsi. L’unico “merito” del Troiaium è quello di garantire governabilità. Se però garantisci governabilità, hai bisogno come il pane di forze minori di opposizione che fungano da guardia della democrazia. Se le isoli, queste forze diventano extraparlamentari. E l’Italia sa quanto siano pericolosi i tempi in cui la protesta esce dall’alveo istituzionale e diviene pressoché interamente extraparlamentare (mi rendo conto che sia un passaggio troppo difficile per Renzi, che ha impiegato 8 giorni per capire i testi di Jo Squillo. Qualcuno glielo spieghi, forse ci arriva).

7) Perché questa legge costringe le frattaglie destrorse (Fratelli d’Italia, Alfaniani, Storaciani, Salviniani, Pizzettari) a riunirsi col Condannato, che magari si farà rappresentare dalla figlia ma comunque starà sempre lì. E se tutti tornano da lui, lui può rivincere. Cosa che, ovviamente, renderebbe molto felice Renzi, che di fronte al suo Maestro suole abbandonarsi come un’adolescente davanti a Vaporidis.

8 ) Perché questa legge vorrebbe essere spietata con le forze minori, ma non lo è. Infatti esistono già il salva-Lega (si entra in Parlamento se si raggiunge il 9% in almeno tre regioni), il salva-Vendola-Comefosseantani (si viene recuperati in qualità di prima forza sotto lo sbarramento ma alleati con Renzi), il salva-Meloni (idem come sopra). Dunque il bipolarismo continuerà ad essere finto, e poltronisti di centro, destra e sinistra saranno sempre lì. Casini compreso, che uno scranno lo troverà senz’altro, magari tra gli alfaniani.

9) Perché mantiene in vita la porcata più grande di tutte: le multicandidature. Un regalo agli alfaniani, ma più in generale a tutti i gattopardi della politica italiana. Questo aspetto, e purtroppo non è l’unico, rende il Troiaium non solo orripilante ma pure palesemente incostituzionale.

10) Perché i cittadini continueranno a non poter scegliere, ma dovranno – bene che vada – avallare e ingoiare un altro Parlamento di nominati.

Concludendo: fa piacere che questo Troiaium piaccia così tanto alle Boschi e ai Faraone, ma in tutta onestà esistono perversioni migliori. Molto migliori.