Meglio salvare i tonni che i migranti disperati che attraversano il mare. E’ quanto pensa un’esponente della Lega Nord di Monza, Anna Giulia Giovacchini, che è anche responsabile dell’Ufficio di tutela degli animali del comune monzese. L’esponente del Carroccio, che era stata candidata anche alle ultime elezioni un anno fa ma non era stata eletta, dopo aver saputo della tragedia dei sette migranti annegati nel canale di Sicilia dopo aver cercato di salvarsi aggrappandosi a una gabbia per l’allevamento di tonni trainata da un motopesca tunisino, si è sfogata su Facebook.

“Quindi le gabbie per i tonni non solo uccidono i poveri pesci, ma danneggiano direttamente anche gli italiani, vegetariani o onnivori! Un motivo in più per non mangiare tonno!”, ha commentato sul suo profilo alla notizia che 95 migranti si erano salvati proprio grazie alle gabbie per la pesca dei tonni. Un’uscita che ha subito sollevato l’indignazione di alcuni esponenti politici di forze avverse come Paolo Piffer, consigliere comunale monzese della lista civica CambiaMonza: “Si tratta di un un post stupido e razzista che non ha fatto ridere proprio nessuno. In Rete, esattamente come nella vita, ognuno è libero di dire ciò che pensa ma deve essere pronto ad assumersi le sue responsabilità – ha commentato il giovane politico – Ho subito contattato il segretario cittadino della Lega Nord di Monza e come immaginavo ha preso le distanze. Io non so come funziona nei partiti, ma spero davvero di non ritrovarmi più la sua candidatura in nessun comune italiano”.

Piffer ha quindi chiesto alla Lega Nord l’espulsione della Giovacchini e si è detto fiducioso di un provvedimento. Dopo la bufera il post è stato rimosso dal profilo Facebook. “Inutile dire che il pensiero scritto è stato espresso a titolo personale e non a nome del partito. Noi non auguriamo la morte a nessuno”, la replica del giovane segretario monzese Federico Arena, che non ha però preso ancora nessuna decisione. Si è già mosso invece il sindaco di Monza Roberto Scanagatti (Pd): “Ho preso visione del contenuto del post su Facebook. Chi esprime simili posizioni non può ricoprire alcun incarico per l’Amministrazione che rappresento. Con la presente le comunico l’immediata revoca dell’incarico onorario di referente per la tutela degli animali, incarico assegnato dalla precedente amministrazione di centrodestra della città”.