Rischia il carcere perché, per curarsi, fuma gli spinelli. Susan Lunn, 43 anni, di Wallasey nel Regno Unito, è stata già condannata a sei mesi con la condizionale, ma durante la sentenza il giudice ha detto: “Se verrà trovata nei prossimi sei mesi ancora in possesso di cannabis lei andrà incontro a una pena più severa e verrà arrestata”. Eppure Susan, conosciuta come “Sue” dai suoi amici e parenti, è costretta da alcuni anni a far ricorso alla droga leggera per contrastare la sclerosi multipla galoppante. Ora si fa intervistare dai giornali e dalle televisioni con uno spinello in mano, il Daily Mail le dedica due pagine, gli attivisti per la legalizzazione della cannabis protestano a suo favore e un intero Paese si interroga sulla necessità o meno della depenalizzazione del possesso delle droghe leggere. Perché la battaglia di Susan Lunn è chiara: “Mi vogliono arrestare solo perché mi voglio curare. La cannabis è l’unica sostanza che tiene a bada l’epilessia, che mi riduce il tremore e il dolore alle articolazioni e che tiene sotto controllo la mia vescica”.

Lunn, ex agente della polizia a Hull, nello East Yorkshire, ora attacca: “Dopo aver servito la comunità per così tanto tempo, questa è la ricompensa che la giustizia mi dà”. L’anno scorso fu soggetta a tre perquisizioni in casa, dopo che il vicinato si era lamentato per la puzza di droga che arrivava dalla sua abitazione, e l’ultimo raid dello scorso 22 dicembre l’aveva portata direttamente in tribunale. Poco importa se lo stesso servizio sanitario nazionale britannico prescriva medicinali a base di cannabis per alcune malattie. “Al mio cliente è negato un diritto fondamentale”, dice ora l’avvocato della signora, Geoffrey Ellis, “molti casi non dovrebbero nemmeno arrivare nelle aule dei tribunali, e questo è uno di quei casi”. Ma contro la tesi dell’avvocato e le ragioni di Lunn ora fanno le barricate le associazioni che si battono contro l’uso delle droghe. E la stessa stampa britannica è scettica sulle soluzioni proposte dal legale e dalla signora. “Sarebbe un precedente pericoloso”, dice la stampa di destra, “che aprirebbe le porte a uno scenario inquietante”. 

Lunn, madre di un figlio, però ribadisce: “La droga leggera è l’unica cosa che mi calma, che mi fa passare il mal di testa e che mi dà sollievo da quando, 17 anni fa, mi fu diagnosticata la sclerosi multipla”. Nel Regno Unito possedere o utilizzare droghe leggere è illegale come nel resto d’Europa. Ora l’avvocato rivela: “Negli ultimi anni, la mia assistita ha speso almeno venti sterline al giorno in cannabis”. E la signora ha aggiunto: “Non smetterò di certo, se smettessi il risultato sarebbe assolutamente devastante”. Lunn è anche sotto terapia tradizionale e prende anche un piccolo assegno dallo Stato per la sua condizione di malata. Le iniezioni quotidiane, tuttavia, sembrano non bastare. “Questa sentenza alla quale sono stata soggetta è assolutamente ingiusta, mi sento lasciata sola da parte della giustizia. È come se stia rischiando di essere condannata solo per essere malata”, ha rivelato al Daily Mail. Unica soddisfazione, dice ora Lunn, il fatto che il personale medico che la tiene in cura non l’abbia mai ripresa per il suo utilizzo di cannabis. “Loro lo sanno – dice l’avvocato – e non hanno nulla da ridire”.