Il presidente della Repubblica ha ridotto del 15% l’indennità di funzione del Segretario generale, del 12% i compensi dei Consiglieri del Presidente della Repubblica, e del 5% le indennità previste per il personale comandato e distaccato chiedendo al Segretario generale di predisporre ulteriori misure per ridurre le spese. Con apposito decreto emanato su proposta del Segretario generale, si legge in una nota diffusa dal Quirinale, ha poi dato mandato al Segretario generale di predisporre ulteriori misure per ridurre le spese del Segretariato generale e, in particolare, gli oneri relativi al personale, consultando le Organizzazioni sindacali in quello stesso spirito di responsabile collaborazione già positivamente sperimentato nel corso del precedente settennato.