Per la nomina ufficiale bisogna aspettare domani, ma sembra ormai certo che Acea avrà un nuovo amministratore delegato. Fra la protesta dei lavoratori e lo scontro in assemblea con il candidato sindaco pd, Ignazio Marino, il Comune di Roma, che controlla il 51% della società, assicurerà al manager Paolo Gallo la più ambita poltrona del gruppo. Proprio mentre un’altra società pubblica, l’assicuratore del credito Sace, controllato dalla Cassa Depositi e Prestiti, decide invece di rinviare il rinnovo dei vertici in attesa di un quadro politico più chiaro. Due storie diverse che però hanno in comune lo stesso tema: le buonuscite che saranno pagate agli amministratori nel caso in cui vengano rimossi dalla nuova forza politica post-elezioni.

Nel caso di Acea si tratta di un déjà-vu: dopo la tornata elettorale del 2008, che vide trionfare Gianni Alemanno a sindaco di Roma, l’amministrazione comunale decise di cambiare in anticipo dei vertici della multiutility capitolina. Operazione che costò alla società 3 milioni di euro di buonuscita per l’allora a.d. Andrea Mangoni e 2 milioni a testa per due suoi manager di fiducia. In totale sette milioni di costi in più legati alla volontà del Campidoglio di modificare l’assetto del consiglio di amministrazione della municipalizzata nominando amministratore delegato di Marco Staderini, ex manager di Lottomatica vicino all’Udc.

Per questo in assemblea Marino, dopo aver chiesto il rinvio delle nomine (proposta bocciata con il 94,45% dei voti), ha contestato la possibilità di firmare ai nuovi vertici della multiutility capitolina “contratti che daranno al cda, contrattualmente una buonuscita milionaria se sfiduciato”. Un tema caldo visto che Roma andrà alle urne il 26 e il 27 maggio. Marino ha poi sottolineato come la decisione di rinnovare il consiglio sia un colpo di mano da parte di Alemanno e ha ribadito che Gallo “sappiamo tutti essere espressione del principale socio privato di Acea spa (il costruttore Francesco Gaetano Caltagirone, ndr).

Ma per il presidente di Acea, Giancarlo Cremonesi, numero uno della Camera di Commercio di Roma, le cose non stanno in questi termini: l’assemblea sarebbe stata convocata in “tempi non sospetti” in cui ancora non si conoscevano le date delle elezioni per il Campidoglio e anche Gallo lavorerà per fare “l’interesse della società e di tutti i soci”. Fatto sta che in cinque anni, il titolo è crollato del 61%, la società continua ad essere superindebitata (2,495 miliardi, in salita di 169,7 milioni di euro rispetto a fine 2011) e, a dicembre, sono state anche cedute gran parte delle attività del fotovoltaico per concentrarsi sul settore idrico e ambientale.

Intanto, però, i manager continuano a incassare lauti stipendi che, per Marino, sono “fuori linea rispetto ad altre aziende dello stesso tipo, si attesta sul piano di grandi multinazionali a livello mondiale”. Nel 2012, l’ex a.d., Marco Staderini ha guadagnato 420mila euro. Paolo Gallo, in qualità di direttore generale, ha intascato 663mila euro. Sette dirigenti con responsabilità strategica hanno portato a casa 1,8 milioni. L’intero consiglio di amministrazione, compresi a.d. e direttore generale, è costato, in un anno, ad Acea 2 milioni di euro cui vanno aggiunti 831mila euro di compensi per i tre sindaci.