“La Sicilia è lontana, il ponte sullo Stretto di Messina sarebbe un segnale per tutto il Sud. La Tav? Idem, sennò saremmo fuori dall’Europa. E i ciclisti? C’è un problema culturale, l’Italia è un Paese di automobilisti”. Deborah Bergamini è candidata al quarto posto in Emilia Romagna, alla Camera, per il Pdl. Di mobilità se ne è occupata personalmente, da membro della commissione Trasporti della Camera e come relatrice di un progetto di legge sulla mobilità sostenibile (a partire dalle auto elettriche) che, inserito nel primo decreto Sviluppo del governo Monti, è diventato poi legge. Nel programma del Pdl si parla specificatamente, oltre che di Tav, di un piano generale per la mobilità urbana sostenibile e di potenziamento della rete ferroviaria nazionale.

Il Ponte sullo Stretto è così necessario?
Basterebbe prendere il traghetto per andare da una parte all’altra per comprenderlo. La Sicilia, che pure è una regione chiave, sconta questa lontananza dal resto dell’Italia. Il Ponte avrebbe consentito alla Sicilia di svolgere meglio il suo ruolo per lo sviluppo del Mediterraneo.

E perché non siete riusciti a realizzarlo?
Ci abbiamo puntato fortemente, ma appena il governo è caduto si è deciso di disinvestire su questo progetto. E’ un male tutto italiano: i politici, che sono quelli che dovrebbero avere maggiore senso di responsabilità, una volta al governo smantellano le progettualità messe in campo dal governo precedente. E’ successo più volte con i governi di sinistra, e ora con il governo tecnico.

La situazione infrastrutturale interna della Sicilia è deficitaria. Che senso ha fare il ponte se poi mancano i collegamenti all’interno?
Per queste cose bisognerebbe parlare con Moretti (Mauro, ad Trenitalia; ndr) e con il ministero delle Infrastrutture. Sappiamo bene che sotto Napoli non si investe in infrastrutture e in commissione abbiamo lavorato molto su queste cose. Noi diciamo con forza che stiamo investendo in infrastrutture in modo sbilanciato. Le tratte più convenienti, quelle del Nord, sono oggetto di investimenti, quelle del Sud no: in questo senso il ponte era un segnale di sviluppo infrastrutturale nel Sud, di cui c’è bisogno come del pane.

La Tav è l’altra grande questione. Perché è necessaria?
Noi abbiamo un piano europeo Ten-T (Trans-European Networks – Transport; ndr) per lo sviluppo della mobilità, e l’obiettivo è quello di arrivare nel 2050 allo spazio unico europeo dei trasporti. Dobbiamo decidere se vogliamo rimanere in Europa oppure no. Per questo il nostro programma prevede la realizzazione nei tempi previsti dall’Europa delle linee ferroviarie ad alta velocità a cominciare dalla Torino-Lione.

I No Tav sono stati sufficientemente ascoltati?
E’ chiaro che quando si fanno opere profondamente invasive come la Tav provocano disagio. Ha riguardato anche lo sviluppo dell’alta velocità tra Firenze e Bologna (Bergamini è toscana; ndr): però noi oggi riusciamo ad andare da Roma a Milano in tre ore grazie anche a quella tratta. Capisco che quando si interviene in maniera strutturale sul territorio si generano ferite anche sociali, ma bisogna essere capaci di capire che poi ci saranno benefici.

Le nostre città, soprattutto da Roma in giù (capitale inclusa), sono sprovviste di piste ciclabili serie. Cosa farete per migliorare la viabilità alternativa?
Noi abbiamo fatto già molto, io ero relatrice di una proposta di legge sulla mobilità sostenibile, poi finita nel decreto Sviluppo. Capiamo benissimo che anche in questo campo c’è un forte scollamento tra Nord e Sud del Paese. Su questo scontiamo un ritardo culturale, non soltanto perché nelle nostre città la bicicletta rappresenta un’alternativa validissima, con questa crisi ancora di più, ma anche perché la convivenza tra auto, camion e biciclette è pericolosissima nelle nostre città. Dunque ci vogliono più piste ciclabili e più dispositivi per garantire la sicurezza di chi va in bicicletta.

Perché parla di ‘ritardo culturale’? Da cosa deriverebbe?
Siamo un paese di automobilisti, e l’anomalia è che anche il nostro trasporto merci per il 90% va su gomma: un numero spropositato rispetto alla media europea. E poi siamo stati contraddistinti dalla storia della Fiat, e quindi abbiamo sempre acquistato e utilizzato automobili. (GAV)