La telefonata di Berlusconi al sindaco di Roma riportata da Repubblica? Per Gianni Alemanno è “l’ennesima balla ridicola”. Berlusconi non avrebbe mai chiesto alcun passo indietro. “La telefonata di cui parla Repubblica – dichiara – è frutto di pura fantasia. È significativo che questo quotidiano pur di continuare la campagna contro di me giunga addirittura a inventare una telefonata con tanto di virgolettato”.

“Gianni, ma li hai visti i sondaggi? Se ti ripresenti, Roma è persa. Che ne dici di fare un passo indietro e lasciare che a candidarsi col Pdl sia qualcun altro?”, questa la telefonata di Berlusconi secondo il quotidiano di Ezio Mauro che stamattina titolava: “Brutti sondaggi: il Cavaliere gli consiglia di non presentarsi alle elezioni del prossimo anno”. Ma Alemanno oggi ha ribadito: “Sono candidato a sindaco di Roma e ricordo a tutti che ci saranno le primarie del 26 gennaio prossimo”. E da un comunicato diffuso dall’ufficio stampa di Palazzo Grazioli arriva la fiducia dell’ex premier: “Non c’è stata nessuna telefonata tra il presidente Berlusconi e il sindaco di Roma Alemanno come invece riporta stamani Repubblica. È un’altra invenzione giornalistica di una lunga serie. Il presidente Berlusconi conferma la sua fiducia nel sindaco Alemanno”.