Quando domenica sera Bolt, o chi per lui, taglierà per primo il traguardo della gara dei 100 metri all’interno del nuovissimo Stadio Olimpico di Londra, tutti gli aggettivi che saranno utilizzati come ‘deflagrante’, ‘esplosivo’ o ‘atomico’ avranno una ragion d’essere che va ben oltre la semplice impresa sportiva. Ovvero le migliaia di tonnellate di rifiuti tossici e radioattivi che sono stati rinchiusi in tutta fretta in appositi contenitori e poi sotterrati nel Parco Olimpico. In un deposito costruito all’inizio di uno dei tanti bei ponticelli su cui passeggia la gente all’interno del Parco: a 400 metri dalla stazione internazionale di Stratford e a 250 metri dallo Stadio. Come ha confermato la Olympic Delivery Authority dopo le prime smentite.

L’estate scorsa si è infatti venuto a sapere – tramite documenti ufficiali ottenuti attraverso il decreto Freedom of Information – che tra il 2007 e il 2008, durante i lavori di scavo per la costruzione dello Stadio Olimpico, sono emerse diverse tonnellate di rifiuti tossici e radioattivi. Questo materiale, poi risultato essere nell’ordine delle 7,5 mila tonnellate, è stato sotterrato in tutta fretta all’interno del perimetro del parco. Se le autorità assicurano che questi container hanno una resistenza stimata in oltre mille anni, è da notare però come nel prospetto informativo di vendita del centro stampa interno al Parco (di recente acquistato dai reali del Qatar) appare l’avvertenza sulla “presenza di sostanze inquinanti a livello solido, liquido o gassoso (…) materiali pericolosi e nocivi anche nei detriti del terreno circostante”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 E, come spiega Paul Charman, analista del Citizens Intelligence Network, “è evidente che lo stoccaggio sia stato fatto in tutta fretta per evitare ricadute negative d’immagine, mettendo anche a rischio la salute dei lavoratori. E il fatto di sotterrare il tutto in loco è stata l’unica opportunità per evitare numerosi controlli, previsti dalla legge, nel caso avessero cominciato a trasferire il materiale altrove. Una scommessa che non esito a definire rischiosa”. Un ulteriore schiaffo alla tanto sbandierata eco-sostenibilità dei Giochi. Già, a fronte di sponsorizzazioni pericolose e molto poco ambientaliste, il governo aveva risposto solo con ingiustificati arresti nei confronti di chi ha osato contestarle.

Senza degnarsi di spiegare come sia stato possibile appaltare le medaglie di una manifestazione che si vuole ecologista a Rio Tinto – multinazionale mineraria accusata di violazione dei diritti umani dalla Papua Nuova Guinea alla Mongolia – il cui rame utilizzato per le medaglie è estratto dalla miniera di Kennecott (Utah) in spregio alle leggi locali per il controllo delle immissioni nocive nell’atmosfera. O aver ceduto per 7 milioni a Dow Chemical – multinazionale che nel 1999 ha acquistato la Union Carbide responsabile del disastro di Bhopal in India – la possibilità di ricoprire lo Stadio Olimpico con un lenzuolo di plastica recante il suo logo, al posto del lenzuolo in materiali biodegradabili con disegni di artisti locali previsto dal progetto originario di London 2012.

Non può certo bastare che i piatti e le posate utilizzate dal McDonald del Parco Olimpico – il più grande al mondo con oltre 1500 posti a sedere – saranno riciclati in appositi contenitori, o che l’olio utilizzato per friggere le patatine sarà trasformato in combustibile, per rendere le Olimpiadi di Londra 2012 “i Giochi più ecologici della storia”, come ripetono ogni giorno gli organizzatori. L’hanno appena certificato anche WWF e BioRegional, in un documento congiunto nel quale concludono che gli organizzatori “non hanno mantenute le promesse” e “hanno profondamente deluso, mancando tutti gli obiettivi” per le questioni riguardanti energia, rifiuti e consumo delle risorse. Una bocciatura atomica. Come le scorie sepolte in tutta fretta nel Parco Olimpico.