Addio totonomine e spartizioni di incarichi nelle giunte cittadine. Gli assessori si scelgono direttamente online. Valutando un curriculum, aiutandosi magari con un video o qualche riga di autopresentazione. La proposta arriva dal Movimento 5 stelle di Parma che, seguendo l’esempio dei colleghi di Asti, ha deciso di sottoporre al giudizio dei cittadini non solo l’aspirante primo cittadino, ma anche le singole persone che sperano di entrare a far parte della squadra del sindaco. In questo caso però non si vota tracciando un segno sulla scheda, ma con un clic direttamente sul sito internet del Movimento.

L’obiettivo è assegnare ogni delega, dall’urbanistica alla cultura, dando la priorità non tanto all’appartenenza politica o ai voti ottenuti, ma alle esperienze professionali precedenti, alle capacità  e alle competenze del singolo candidato, proprio come avviene in qualunque colloquio di lavoro.  “La politica attuale nomina gli assessori dopo il voto, usando il manuale Cencelli per nominare amici o persone fidate. Noi non ragioniamo così” ha spiegato il candidato sindaco a 5 stelle di Parma, Federico Pizzarotti, sul blog del Movimento.

In caso di vittoria del Movimento 5 stelle alle elezioni del 6 e 7 maggio, dunque, la nuova giunta di Parma sarà decisa con il contributo del popolo del web. La corsa è aperta tutti. È sufficiente inviare il proprio curriculum vitae (indicando a quale assessorato si aspira) al Movimento, che provvederà poi a pubblicarlo sul proprio sito internet. Unici requisiti richiesti sono l’adesione al programma del Movimento 5 stelle e una fedina penale immacolata.

“Analizzeremo la visione che il candidato ha del mondo e del suo futuro, che inevitabilmente deve essere simile alla nostra – spiegano sulla loro pagina online -. Ma soprattutto faremo attenzione al certificato penale, dal quale dovrà risultare nulla”. Il popolo del web potrà poi dare la propria valutazione, lasciando un commento o mandando un suggerimento. “Successivamente, il nostro portavoce e candidato Sindaco, Federico Pizzarotti, tenendo presente i commenti della rete, sceglierà gli assessori a 5 stelle. Durante il mandato sarà il sindaco a farsi garante per il rispetto del programma” si legge ancora sul sito.

“Si tratta di un’iniziativa di democrazia diretta  – ha spiegato Marco Bosi, capolista del Movimento 5 stelle a Parma – troppo spesso nella politica italiana a governare finiscono persone incompetenti e non qualificate a svolgere l’incarico per il quale sono state nominate. A Parma, per risolvere i problemi della città, crediamo invece che ci sia bisogno di assessori capaci. Questo sistema – ha aggiunto Bosi – nelle aziende, nel mercato del lavoro, funziona da sempre. I dipendenti vengono selezionati, ai colloqui, per il loro merito e non perché fanno parte di un gruppo”.

Prima di Parma il sistema era stato lanciato dal Movimento 5 stelle di Asti, che a fine marzo aveva invitato gli utenti a lasciare un giudizio sulle proposte per i vari assessorati. Per il gruppo piemontese la ricetta è la stessa di quella adottata Parma: “Nessun altro candidato sindaco rivelerà i nomi dei componenti della giunta prima del 7 maggio – scrivono sulla pagine online – Nel nostro caso invece, gli assessori li scelgono i cittadini prima del voto”. Un esperimento, quello della selezione online della giunta, che fa della rete uno strumento principe dell’attività politica, confermando la vocazione 2.0 del Movimento ispirato a Beppe Grillo. Ma il metodo potrebbe anche rivelarsi come una “prova di collaudo”, in vista della più complessa scelta del candidato premier per la corsa al Parlamento.

di Annalisa Dall’Oca e Giulia Zaccariello