Un lungo testa a testa, proseguito fino a tarda notte. E terminato con 138 voti di distacco, che fanno di Fabrizio Ferrandelli il prossimo candidato sindaco di Palermo per il centrosinistra. Sconfitta Rita Borsellino, considerata il nome “pulito” della città, candidato sostenuto da Pierluigi Bersani e dalle segreterie di Idv e Sel. Ma c’è una lunga scia di accuse e tensioni, partita nei giorni passati, proseguita ieri mattina con l’apertura dei seggi e destinata a durare chissà quanto ancora. Innanzitutto il record di partecipazione. In serata, quando i seggi sono stati chiusi, le preferenze erano diventate quasi 30mila, 10 mila in più che nel 2007. Tra loro 900 extracomunitari e 150 minori. Un successo, che però ha destato qualche campanello d’allarme su una partecipazione non spontanea. Alla fine i risultati hanno visto Borsellino e Ferrandelli a lungo appaiati. Poi il conto definitivo e quel dato: 138 voti di distacco. Ma la polemica è dietro l’angolo: dallo spoglio sono emerse almeno un centinaio di schede nulle e tra queste, anche schede di colore diverso da quelle stampate dal partito. Per questo la Borsellino ha deciso di rimandare alla mattina ogni considerazione sul voto. Mentre in alcuni seggi è già partito il riconteggio delle schede. E non sono escluse le sorprese. Per il momento, i risultati sono questi: 9.942 voti per Ferrandelli e 9.804 per l’avversaria Rita Borsellino, terzo Davide Faraone, con 7.968 voti e ultima Antonella Monastra con 1.707 voti ottenuti.

La giornata, in ogni caso, si era caricata subito di polemiche, come da attese della vigilia. Allo Zen, il quartiere simbolo del degrado di Palermo, ad esempio, è intervenuta la Digos dopo che era stato segnalato l’attivismo di una donna che offriva un euro (l’equivalente del ticket che si paga ai seggi) agl elettori che si recavano a votare per uno dei quattro candidati.

Nel seggio di Piazza Bellini, quello destinato al voto dei minorenni e degli 851 immigrati iscritti nelle liste, lunghissime code. E la presenza di un pulmino carico di elettori extracomunitari con le insegne di una cooperativa sociale e la scritta vota Ferrandelli, l’ex capogruppo in consiglio comunale dell’Idv sostenuto anche dall’ala del Pd che appoggia il governo di Raffaele Lombardo alla Regione.

Dell’ex golden-boy dipietrista ha parlato ieri Saverio Romano, l’ex ministro inquisito per mafia in una lettera inviata ai giornali. “Vengo tirato in ballo da tale Ferrandelli, come sostenitore della signora Borsellino alle consultazioni interne al centrosinistra. Falso, tendenzioso e ingeneroso, proprio perché costui si é recato a casa di esponenti autorevolissimi del mio partito a chiedere sostegno. E’ vero, preferisco un avversario serio e leale come la Signora ad un giovane saltimbanco dell’arrampicata, ma ciò non mi coinvolge nella loro competizione. Del resto io ed il mio partito abbiamo pochi consensi, perché se ne preoccupa…”.

Ferrandelli smentisce, ovviamente, ma la lettera di Romano accredita il sospetto di un intervento di truppe cammellate del centrodestra o di sostenitori dell’autonomista Raffele Lombardo nelle primarie del centrosinistra. Quello che è certo è che queste primarie lasceranno macerie nel centrosinistra palermitano e nello stesso fronte dell’antimafia. Rita Borsellino è sostenuta da una parte del Pd, voluta da Bersani con l’appoggio di Sel, Idv, Rifondazione comunista- Fds, socialisti di Nencini e movimenti. Fabrizio Ferrandelli ha l’appoggio pieno delle correnti e dei potentati dentro il partito di Bersani che fanno da stampella al governo Lombardo.

“Se vince la Borsellino – Leoluca Orlando lo ha detto ieri con chiarezza al nostro giornale – un minuto dopo inizia la battaglia per cacciare Lombardo dalla Regione”. Con la vittoria di Ferrandelli, invece, uomini come Giuseppe Lumia, l’ex presidente dell’Antimafia, e Antonello Cracolici, capogruppo del Pd all’Ars, spingeranno per un ingresso del Pd nel governo regionale. Ma la battaglia va ben oltre i confini siciliani, perché la sconfitta della Borsellino è un vero e proprio knock-out per Bersani, più forte del colpo ricevuto a Genova.

“Rita Borsellino – dicono nel Pd palermitano – non è Marta Vincenzi, il suo nome evoca una storia tragica. Rita è un simbolo per l’Italia perbene”. Infine c’è il ruolo di Leoluca Orlando, per molti palermitani ancora “’u sinnaco”. In questi giorni è stato attivissimo nella campagna elettorale a favore della Borsellino, anche se non ha mai dichiarato esplicitamente di aver fatto un passo indietro rispetto all’ipotesi iniziale che lo voleva come uno dei competitori. “Ma un passo di lato sì”. Al di là dei bizantinismi, per molti questa affermazione significa che la sconfitta di Rita Borsellino, e soprattutto in presenza di un voto non limpidissimo, lo porterà a rompere il patto col centrosinistra e a presentarsi comunque con una sua lista al primo turno. Intervistato ieri dal nostro giornale, l’ex sindaco della Primavera ha liquidato questa ipotesi in modo nettissimo: “Le grandi storie non si ripetono e Rita Borsellino vincerà le primarie e le elezioni comunali vere”. Così, però, non è andata. Salvo sorprese.

L’Aquila e Oristano. Oggi si votava anche nei due capoluoghi per scegliere i candidati sindaco del centrosinistra. Nel capoluogo abruzzese vince di larga misura l’attuale sindaco Massimo Cialente, che ha avuto il voto di sette elettori su dieci. A Oristano, il candidato per le comunali di primavera sarà invece Guido Tendas, Pd, che ha ottenuto 720 preferenze (2.172 cittadini votanti) quando sono state scrutinate ormai oltre il 75% delle schede. Tendas, preside del Liceo classico De Castro è stato anche vicesindaco nell’ultima Giunta di sinistra del comune di Oristano (due legislature fa) poi passata al centrodestra.

di Enrico Fierro e Fabio Amato