Gentile Sindaco Giuliano Pisapia,
le capita mai di pensare alla bellezza? Di dedicare qualche momento della sua intensa attività di primo cittadino di Milano alla contemplazione della bellezza della sua città? Sono sicuro di sì, dato che lei conosce Milano, l’ha attraversata in lungo e in largo nel corso della sua vicenda umana, e ne ha seguito la trasformazione nell’arco degli ultimi decenni. Ebbene, come Lei sa, Milano ha una bellezza particolare: ritrosa, discreta, persino segreta. Manifesta se stessa in pochi punti e momenti del tessuto urbano che, nonostante il degrado in cui è stato lasciato per lungo tempo – le “rovine di Milano” le ha chiamate di recente Giovanni Agosti – mantiene ancora una sua eccellenza. Per questo vorrei richiamare la sua attenzione su un luogo importante della città, la zona antistante il Cimitero Monumentale, uno dei luoghi più noti anche all’estero, ricco di manufatti artistici, sculture e architetture, luogo di memoria.

LÌ, DOVE un tempo finiva la città delle case e delle abitazioni e cominciava la città delle officine e delle piccole fabbriche, c’è uno spazio che sembra uscito da un quadro di Sironi, con alti muri, vecchi capannoni novecenteschi, residui di costruzioni spontanee del secolo scorso. Mi riferisco alla zona battezzata “area ex-Enel”, alla fine di via Bramante prospiciente Piazza Cimitero Monumentale e via Procaccini, una superficie non indifferente abbandonata da anni. Come ha scritto Gianni Biondillo, architetto e narratore, si tratta di un lotto occupato da un edificio storico dell’Enel che ha “una qualità e un’evidenza storico-artistica lampante”. Ebbene questa costruzione sta per essere sostituita da un manufatto architettonico decisamente orrendo, una costruzione fuori scala, di otto e nove piani, abbattendo l’edificio attuale che vi si trova proprio di fronte alla Fabbrica del Vapore, di recente recuperata per uso culturale e conservata nella sua quasi integrità architettonica. Ma non basta. Lì a fianco verrà eretto un hotel di nove piani dalla forma decisamente obsoleta che ricorda una architettura modernista del socialismo reale. L’intera vicenda urbanistica, con piante, alzati, planimetrie, rendering, e altro ancora, è visibile ora in un sito ad hoc, www.areaxenel.com, cui la rimando perché possa rendersi conto direttamente dello sfregio edilizio che viene inferto a una zona centrale della città, a solo venti minuti a piedi da Piazza del Duomo. Guardando il tutto viene da chiedersi come sia possibile nell’anno 2012 erigere edifici di tal fatta che negano qualsiasi bellezza e riducono lo spazio urbano a una sorta di non-luogo spaesante e ben presto degradato. La bellezza, cui spero lei dedichi qualche pensiero, ha un preciso valore morale, come ci hanno insegnato i greci antichi, e come ancor oggi è vivo nel senso comune.

MI APPELLO dunque alla bellezza come fatto morale, quella bellezza che secondo Dostoevskij può salvare il mondo, perché è stata proprio la sua giunta Signor Sindaco ad approvare di recente con un voto unanime del consiglio comunale questo disastro urbanistico predisposto dalla precedente amministrazione guidata da Letizia Moratti. Com’è stato possibile? Non avevate visto il progetto e analizzato la sua scarsa qualità architettonica? Di più. Come ha segnalato il sito areaxenel, e come rimarca in un suo intervento Biondillo, a progettare l’intero intervento, che si esplica in tre differenti aree limitrofe, è un architetto milanese, Giancarlo Perotta, noto per le sue modestissime, se non deleterie, costruzioni: i due grattacieli della Stazione Garibaldi, oggi rifatti, la Stazione Bovisa, un esempio perfetto di non-luogo, l’Ospedale San Paolo, il complesso residenziale di via Sesia, e altri ancora, tutti progetti invecchiati precocemente, di nessuna specificità architettonica, che costituiscono esempi non solo da non imitare, ma da demolire al più presto, prima che la loro bruttezza generi quel degrado urbano che abbiamo già visto all’opera in altri contesti italiani e stranieri. Una città brutta, con brutti edifici, induce a vivere male, a pensare male, e persino a sognare male. Perché è stato affidato all’architetto Perotta questo prezioso recupero edilizio della zona? Inoltre, come lei saprà il progettista in questione appartiene a una stagione non molto positiva della città, Mani Pulite. Lui come altri progettisti coinvolti in quell’inchiesta, chi più chi meno, sono tornati in modo prepotente negli ultimi anni a progettare e costruire complessi residenziali e architetture come se niente fosse (ad esempio, l’architetto Dante Benini nel complesso battezzato Cantiere del Nuovo).

E CHE architetture! Nessuna che possegga una qualità accettabile, ma solo mediocri rimasticature di forme moderniste già vecchie da decenni. Possibile che all’amministrazione comunale da lei diretta con tutta l’autorevolezza e il peso del proprio parere non abbia pensato di convincere i proprietari dell’area a indire un concorso per investire del progetto architetti di levatura internazionale? Perché abbandonare al proprio destino di degrado questo luogo importante di Milano? E com’è possibile costruire un albergo di nove piani, manufatto orrendo, a duecento metri in linea d’aria dal Cimitero Monumentale aggirando un vincolo con l’aiuto di un piccolo escamotage da costruttori di terz’ordine? Sette mesi fa la sua elezione ha suscitato molte e forti speranze di un cambiamento, possibile che un uomo della sua esperienza e levatura morale scivoli sulla buccia di banana di un Perotta qualsiasi? Mi aspetto – ci aspettiamo, vista la mobilitazione di uomini e donne di cultura, e non solo intorno alla questione dell’area ex-Enel – una risposta adeguata.

Fermi Sindaco Pisapia un obbrobrio di cui con il voto della sua giunta è oggi diventato direttamente responsabile. Pensi più alla bellezza di Milano e meno agli oneri di urbanizzazione che il Comune può ricavare dal progetto-Perotta e dai 240 box da scavare lì sotto, che attirano solo auto. La città, si diceva un tempo, non si svende. Vale ancora?

Di Marco Belpoliti, scrittore e critico letterario

Il Fatto Quotidiano, 29 Dicembre 2012

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA PRECISAZIONE DEL MOVIMENTO 5 STELLE:

Il 26/9/11 il Consiglio comunale di Milano ha ratificato lo smantellamento di uno storico edificio Enel e la sua sostituzione con un palazzo residenziale e un hotel entrambi di 9 piani (volumetria quadrupla dell’edificio ENEL, box inclusi) alla fine di via Bramante- inizio di via Procaccini, proprio davanti al Cimitero monumentale (ovvero in un’area di pregio estetico). Il progetto, firmato dall’architetto Giancarlo Perotta (autore anche dei 2 grattacieli di fronte alla stazione Garibaldi), era stato avviato dalla Giunta Moratti. Il M5S Milano: condivide le critiche dello scrittore Marco Belpoliti dell’architetto Gianni Biondillo al progetto urbanistico, apparse rispettivamente sul Fatto quotidiano e sul Corriere della sera; evidenzia l’inconsistenza delle repliche dell’assessore De Cesaris e del sindaco Pisapia, che di fatto hanno eluso tutti gli argomenti di Belpoliti e Biondillo; sottolinea che ancora una volta la giunta e la maggioranza di centrosinistra hanno ratificato scelte della vecchia maggioranza di centrodestra e che ancora una volta è stata così confermata la convergenza delle politiche di Pd meno L e Pdl; denuncia come priva di fondamento la dichiarazione del sindaco Pisapia che, nella sua replica a Biondillo (Corriere 6/1/12), ha affermato che il progetto sull’area ex Enel sarebbe stato approvato in Consiglio comunale “praticamente all’unanimità”: si tratta di una dichiarazione priva di significato, dal momento che una votazione o è unanime o non lo è, che serve a mascherare che il Movimento 5 stelle ha votato contro e che in consiglio comunale esiste e agisce un’opposizione alla logica cementificatorio-deturpatrice Pd-PdL. Ecco il video con la dichiarazione di voto di Mattia Calise- durante il consiglio del 26 novembre – in merito allo scempio in via Procaccini. Ufficio Stampa Lista Civica Movimento 5 Stelle di Milano ufficiostampa5stellemilano@gmail.com