Giulio Tremonti spiato e pedinato? La procura di Roma vuole vederci chiaro dopo quanto dichiarato dal ministro dell’Economia in un’intervista e aprirà un fascicolo processuale sulla vicenda probabilmente intestato ”atti relativi a”, ossia senza ipotesi di reato.

Nel fascicolo, che conterrà inizialmente gli articoli di stampa nei quali sono stati riportate le parole di Tremonti, dovrebbe essere assegnato al procuratore aggiunto Pietro Saviotti, delegato, tra l’altro, a coordinare le indagini su vicende di spionaggio. Tra le attività istruttorie che potrebbero essere disposte ci sono, tra l’altro, le audizioni dello stesso ministro e degli uomini della sua scorta. E, sempre sul presunto spionaggio, il direttore del Dis, Gianni De Gennaro, riferirà martedì prossimo al Copasir sul possibile coinvolgimento di 007.

Intanto, in una dichiarazione all’Ansa, Tremonti getta acqua sul fuoco: ”Ho profonda stima e fiducia nella scorta della Guardia di Finanza che mi segue da moltissimi anni, gli stessi sentimenti per la Guardia di Finanza a partire dal suo comandante generale. Tutto quanto è a mia conoscenza l’ho rappresentato alcune settimane fa alla magistratura. Lo confermo. Il resto sono state ipotesi e forzature giornalistiche”.

“Forzature giornalistiche” che cominciano il 9 giugno scorso quando ‘Libero’ riferisce di un acceso faccia a faccia tra Tremonti e Silvio Berlusconi, con il ministro che accusa il premier di “aver messo i servizi segreti alle mie calcagna”. Ieri è La Repubblica a raccogliere le confidenze del titolare dell’Economia. “Ho fatto – spiega il ministro a proposito della scelta di andare a vivere nella casa di Campo Marzio offertagli dal suo ex braccio destro Marco Milanese – una stupidata. E di questo mi rammarico e mi assumo tutte le responsabilità. Ma in quella casa non ci sono andato per banale leggerezza. Il fatto è che prima ero in caserma ma non mi sentivo più tranquillo. Nel mio lavoro ero spiato, controllato, pedinato. Per questo ho accettato l’offerta di Milanese…”. E’ lo stesso ex finanziere e deputato del Pdl – interrogato dai pm di Napoli che indagano sulla P4 – a fornire altri elementi. “Il ministro – ha fatto mettere a verbale Milanese – mi ha detto che ha avuto uno sfogo con il presidente del Consiglio perchè aveva saputo che era seguito. O comunque negli ambienti politici si dice che stanno attuando il metodo Boffo anche nei suoi confronti…per contrastare la sua ascesa politica”.

Intanto, tra voci di cordate, talpe, veleni, generali indagati e ministri spiati, la Guardia di finanza è nell’occhio del ciclone da settimane. Il Cocer non ci sta e chiede rispetto. Lo spunto è l’attacco di ieri del sottosegretario alla Difesa, Guido Crosetto. Dopo il quale il comandante della Gdf, generale Nino Di Paolo, aveva ricevuto la telefonata di solidarietà di Tremonti. Il Cocer definisce “inappropriate ed inopportune” le parole di Crosetto. Infatti, lamenta l’organismo, “definire la Guardia di Finanza un’organizzazione di cui aver paura offende la dignità dell’Istituzione e dei 63mila finanzieri che quotidianamente prestano la loro opera a tutela degli interessi del Paese”. Altra esternazione del sottosegretario che non è andata giù al Cocer è quella secondo cui “l’azione di controllo amministrativo si svolgerebbe in modo totalmente arbitrario”. Ciò, si rileva, “dimostra nessuna considerazione per il quadro giuridico che la regola”. L’organismo avanza quindi un sospetto: che “le dichiarazioni siano strumentali al tentativo di tornare ad un comandante generale proveniente dall’Esercito; a questo punto, oltre alle vere o presunte cordate interne, ce ne sarebbero anche di esterne con i loro sponsor politici”. Ma la Guardia di finanza, conclude la nota, “non può diventare, per l’ennesima volta, il campo di battaglia di uno scontro politico che non la riguarda, perchè questo fa male ai cittadini e al Paese”.

Non si fa attendere la replica di Crosetto. “Tentare una riflessione sulla base dei fatti di questi giorni – osserva – serve proprio a restituire all’istituzione il rispetto e la credibilità che si merita. Ed i primi a saperlo dovrebbero essere proprio i Cocer della Finanza che mi hanno sempre visto schierato al loro fianco, a difesa e tutela del personale, soprattutto quello di grado meno elevato. Ed in queste battaglie, o questi anni – conclude – chi si contrapponeva con forza a richieste legittime è sempre stato qualcun altro”.