“Come la censura colpisce anche il gossip”. Questo il titolo di una nota pubblicata ieri sul proprio profilo Facebook dalla giornalista della trasmissione Rai La vita in diretta, Laura Costantini. La nota, poi ripresa sul suo blog dal giornalista Alessandro Gilioli, ha fatto il giro della rete. Si racconta (con dei nomi leggermente alterati ma chiaramente intellegibili) quella che sarebbe stata una pressione dell’agente di molte star tv Lucio Presta, per bloccare un servizio de La vita in diretta sulle ultime vicende di cuore che riguardano Antonella Clerici (anche la conduttrice fa parte della scuderia dell’agente).

“Questa ve la devo raccontare perchè è giusto che sappiate, nonostante io vi dica queste cose a mio rischio e pericolo” esordisce la Costantini sul social network. Spiega come su “due dei principali rotocalchi italici” siano state pubblicate le foto di un presunto “tradimento subito da una famosa conduttrice bionda (che chiameremo Florici) dal suo giovane e discusso compagno”. La “Florici”, però, continua la nota, “fa parte della scuderia di Adriano Tresca, il manager attualmente più potente sul mercato”. Quindi i fatti. Ieri mattina, mentre “tutta la redazione fibrillava nella preparazione del servizio d’apertura su Florici e Freddy, Tresca alza il telefono e senza se e senza ma ordina che nessuno si azzardi neanche a nominare Florici. Così succederà, oggi, (ieri, ndr) che la trasmissione verrà aperta con uno spazio sui tradimenti nel mondo dello spettacolo senza fare neanche cenno al dramma (presunto comunque)” della Clerici. La chiusura della giornalista è amara: “In redazione non ci è rimasto che guardarci in faccia, desolati e incazzati. Ma a tutti gli effetti impotenti”. Laura Costantiti, ieri non ha voluto aggiungere altro.

Ma il senso delle sue parole è chiaro: la censura Rai è ormai così pressante da colpire anche gli argomenti più leggeri, comprese indiscrezioni e pettegolezzi sulla vita privata delle star. “Io di questo non ne so niente” spiega Mara Venier, conduttrice della trasmissione, interpellata dal Fatto. E aggiunge: “Se tu mi chiedi: Mara te la saresti sentita? Ti dico che forse non ne avrei parlato se me l’avessero chiesto visto il movimento che sta vivendo la mia amica Antonella. Non è una cosa fondamentale per il nostro programma. Ma credimi, nessuno mi ha chiesto niente”.

Più stringata la replica di Presta al telefono: “Non so proprio di cosa sta parlando questa persona” dice in riferimento alle parole della Costantini. La dinamica dei fatti verrà approfondita nei prossimi giorni. Ieri, però, meno scrupoli ha avuto la rete concorrente: Barbara D’Urso, su Pomeriggio Cinque, ha parlato della vicenda e ha mandato la sua solidarietà alla Clerici.

Il Fatto Quotidiano, 10 marzo 2011