*di Chiara Quaquero

A 19 anni ho lasciato la mia Sicilia per andare a studiare a Roma, all’università “La Sapienza”, non appena terminati i miei studi in Mediazione Linguistico Culturale, ho deciso di partire per Londra.

Unendo le mie due passioni, le lingue e la musica, sono riuscita a sperimentare me stessa. In Inghilterra, grazie ai cosiddetti Student loans ho avuto l’opportunità d’intraprendere nuovi studi innovativi per chi decide di creare arte, di fare musica. Così mi sono diplomata alla Drumtech di Londra e poi di nuovo alla Thames Valley University in Popular Music Performance con specializzazione in batteria.

Qui, ho avuto tante opportunità non solo lavorative ma anche di crescita personale. Ho vinto le mie piccole sfide: ho studiato il mio strumento con la stessa serietà di chi studia medicina o ingegneria, mi sono esibita e mi sono messa in gioco guadagnando esperienza musicale e artistica.

Londra è una città dalle mille sfumature che offre opportunità valide e concrete e permette alla sua gente di reinventarsi ogni giorno senza perdere la voglia di fare, di continuare, di lottare e quindi di migliorare. Una sorta di “Happy land” dove c’è tutto ciò che serve ma … non è la tua nazione e tu, in un modo o nell’altro, rimani un forestiero.

Dopo 5 anni prevale ancora il mio desiderio di vivere una vita italiana in quanto cittadina italiana, e la mia voglia di rimpatrio è tanta quanto la tristezza di guardare da lontano un paese alla deriva, e di sapere che forse rimarrà sempre un miraggio.

Se da una parte i miei Cv in Inghilterra ottengono sempre una risposta, in Italia regna il silenzio costante, nessuno risponde neanche per darti il commiato.

Allora, mi chiedo, è valsa la pena fare tutto questo per poi rendermi conto che alla fine ho comunque perso? Sì, perché ho perso la mia nazione e con la mia nazione, forse, un po’, pure la mia identità.

Questa storia piena di “forse” e di “perché” lascia il tempo che trova, parole lette e poi gettate al vento che non trovano spiragli di luci, né porti su cui approdare. È chiaro che l’Italia, il Regno delle dame, non ha tempo per gente seria … quella al massimo può andare a lavorare … magari all’estero!

*Batterista, italiana all’estero