Una manifestazione in Piazza Navona a Roma condotta da Tiziana Ferrario, l’ex-mezzobusto del Tg1 epurata da Minzolini. Una diretta che coinvolgerà decine di web-tv (a cominciare dal ilfattoquotidiano.it) e manderà in onda collegamenti dalle piazze, appelli e interventi. Una “Notte Bianca per la libertà di stampa” in provincia di Ravenna, a Conselice, l’unico comune italiano che ospita un monumento alla stampa libera. E poi presidi in numerose città italiane e in alcune capitali europee. Questi gli appuntamenti per il No Bavaglio Day contro la legge che vuole bloccare le intercettazioni e che a fine luglio andrà all’approvazione finale della Camera. Nell’agenda della giornata, anche la protesta contro i tagli alla cultura effettuati dal governo ed emblematici, dicono gli organizzatori  “dell’insofferenza per qualsiasi forma di confronto critico e di partecipazione attiva dei cittadini”.

L’appuntamento principale è nel centro di ROMA, a Piazza Navona. “I giornalisti italiani non sono ‘cagnolini da salotto’ come il potere politico vorrebbe ridurli, ma lottano per restare ‘cani da guardia’ della verità e dell’informazione” ha dichiarato la Federazione Nazionale della Stampa Italiana (Fnsi) che ha promosso l’iniziativa insieme a Cgil, Arci, Popolo Viola, Micromega, Valigia Blu e altre associazioni. Si comincia alle 17 e si andrà avanti fino alle 21. La giornalista Tiziana Ferrario e l’attrice Ottavia Piccolo chiameranno sul palco giornalisti “epurati” e molti testimoni che non avrebbero avuto giustizia se il bavaglio alle intercettazioni fosse stato già legge. Tra questi la sorella di Stefano, Ilaria Cucchi, i genitori di Federico Aldrovandi e il giornalista Andrea Purgatori che ricorderà il caso Ustica. Interverranno anche gli avvocati che stanno preparando il ricorso contro la legge alla Corte Europea di Strasburgo. Poi spazio a Dario Fo, Massimo Ghini, Leo Gullotta, i Tetes des bois, la Piccola Sinfonietta, Giovanna Marini.

Per chi è impossibilitato a recarsi a Roma, appuntamenti anche in altre città.
A MILANO, in Piazza Cardusio, si comincia alle 18 e 30 con l’iniziativa promossa, tra gli altri, da Agende Rosse, Libera Informazione, Libertà e Giustizia, Meetup 1 Grilli Milano, Popolo Viola Milano, Qui Milano Libera; aderiscono anche le case editrici Chiarelettere e Il Saggiatore. Previsti anche gli interventi di Peter Gomez, Gianni Barbacetto, Guido Scorza, Vincenzo Consolo, Lorenzo Fazio.

A CONSELICE (Ravenna), Fnsi e Anpi (Associazione Nazionale Partigiani) hanno lanciato il collaborazione con l’amministrazione locale, una “notte bianca” per riaffermare “il diritto dei cittadini ad essere informati e quello dei giornalisti ad informare”. La serata comincia alle 20 nella piazza centrale del Comune proprio dove è stato eretto nel 2006 l’unico monumento esistente in Italia dedicato alla libertà di stampa. Gli organizzatori invitano tutti i partecipanti a portare un fiore da porre accanto al monumento alla libertà di stampa.

Il Popolo Viola ha lanciato presidi anche in altre città italiane.
A Torino (piazza Castello dalle 16); Padova (piazza Delle Erbe alle 18); Grosseto (piazza Dante ore 18.30); Arezzo (piazza San Francesco ore 11.30); Mantova (piazza Mantegna ore 17); Lecce (Porta Napoli ore 18); Cuneo (corso Nizza ore 15.30); Modena (Giardino Ducale ore 19.30); Cosenza (piazza XI Settembre ore 18); Ascoli Piceno (piazza Arringo ore 17); Catanzaro (piazza Grimaldi ore 17); Imperia (piazza De Amicis ore 18); Salerno (piazza Portanova ore 17); Lucera, Foggia (piazza Duomo ore 18); Trieste (piazza Unità D’Italia ore 18); Palermo (via Generale Magliocco ore 16.30); Bari (Piazza Prefettura ore 19.30); Parma (piazza Garibaldi ore ore 20 in corteo fino a piazzale della Pace).
Due appuntamenti anche all’estero: a Londra, davanti alla BBC World Service, Bush House, Strand Alwych, dalle 18; e a Parigi, alla Scalinata dell’Opera Bastille ore 18.30 – L’evento qui

Infine Rete Libera, consorzio di micro web-tv, è pronta per una lunga maratona “webvisiva” del No Bavaglio Day. Lo spunto è quello di “presentare per la prima volta ‘a rete unificata’ il ruolo di denuncia di Internet e delle micro web tv italiane nel panorama dell’informazione del Paese”. Durante la diretta, collegamenti da piazza Navona e da Conselice; da Londra e Parigi, e decine di interventi in webcam via Skype di giornalisti, magistrati e micro-editori delle micro web tv.

Le dirette si potranno seguire su ilfattoquotidiano.it ma anche su Repubblica.it, Corriere.it, La stampa.it, Rainews24, Youdem, U-Station, Raduni, Agoravox, Articolo 21, Premio Ilaria Alpi, Anso, Micromega, Generazione Attiva, Istituto per le politiche dell’Innovazione.