» Politica
mercoledì 12/09/2018

Orbán, sotto attacco giudici, migranti e media: tutte le leggi del governo ungherese sotto accusa

“Minaccia i valori fondanti della Ue”. Ecco perché il Parlamento è chiamato a decidere se l’Ungheria va punita o tollerata - Il processo a Bruxelles

Dice Matteo Salvini che “non si processano i popoli e i governi liberamente eletti”. Ma l’Unione europea prevede invece questa possibilità per gli Stati che minacciano i valori fondanti del progetto comunitario, lo stabilisce l’articolo 7 del Trattato, e la Commissione europea nel 2003 ha stabilito che questo potere d’intervento vale “anche nei campi in cui gli Stati possono agire in modo autonomo dall’Unione”.

Dopo varie contestazioni nel 2011 e nel 2013, il Parlamento europeo a marzo del 2017 ha chiesto alla commissione Libertà civili e Giustizia di stilare un rapporto che, presentato lo scorso aprile, è la base per il voto di oggi sulle eventuali sanzioni contro l’Ungheria di Viktor Orbán, il premier tornato al potere nel 2010 che ha impresso una svolta autoritaria al Paese, dopo che la crisi finanziaria del 2008 aveva fatto vacillare la fiducia nelle promesse dell’integrazione europea. Le 26 pagine del report firmato dall’eurodeputata verde Judith Sargentini, raccolgono la sintesi di tutte le contestazioni ricevute dall’Ungheria da parte dell’Onu, della Corte europea dei diritti dell’uomo, dell’Osce che vigila sulla correttezza dei processi elettorali. Contestazioni che Orbán ha di solito ignorato. E non si tratta soltanto di migranti, che pure sono l’argomento di cui più si discute nel resto d’Europa perché l’Ungheria rifiuta di accogliere i rifugiati arrivati in altri Paesi (Italia e Grecia) e prevede “l’obbligo di incarcerazione” per i richiedenti asilo, bambini inclusi, fino al termine della procedura di analisi della loro domanda.

L’Ungheria di Orbán mette in discussione tutti quegli equilibri tra poteri tipici delle democrazie occidentali. Il report Sargentini parte dalle fondamenta, la Costituzione: nel 2012 Orbán l’ha riformata con una restrizione dei poteri della Corte costituzionale, che non può più neppure rifarsi alla propria giurisprudenza precedente alla riforma. Orbán ha cancellato il passato e si è assicurato di poter condizionare il futuro, rivedendo l’età di pensionamento dei giudici così da poterli sostituire. Ha usato lo stesso sistema per l’intero apparato giudiziario con una riforma del 2012, contestata dalla Corte di Giustizia europea: pensionamento obbligatorio a 62 anni di giudici, pubblici ministeri e notai, violando gli obblighi di legge europei di ridurlo gradualmente a 65 con un periodo transitorio di dieci anni. Ma Orbán voleva decapitare i vertici del potere giudiziario, già nel 2011 aveva creato un Ufficio nazionale giudiziario, di nomina politica, che duplicava l’organo di autogoverno della magistratura sottraendogli poteri.

Il controllo politico della giustizia può indurre in tentazione: nel 2018 il comitato dell’Onu per i diritti umani ha denunciato che le leggi attuali in Ungheria sulla sorveglianza segreta motivata da ragioni di sicurezza nazionale “consentono intercettazioni di massa e non prevedono tutele sufficienti contro violazioni arbitrarie della privacy”. E per evitare che la stampa critichi questo genere di norme, Orbán ha varato anche una riforma dei media che prevede criteri stringenti e discrezionali di cosa sia un “contenuto illegale” oltre a obblighi di rivelare le fonti delle notizie.

Il consenso di Orbán si regge sulla costruzione di nemici interni ed esterni per difendersi dai quali servono leggi sempre più dure. Non soltanto i migranti, ma anche le minoranze di ogni genere, una riforma del 2011 ha tolto il riconoscimento a “centinaia di chiese prima riconosciute”, i rom sono discriminati in vari modi al punto che – ha contestato la Commissione Ue nel 2016 – “i bambini rom sono presenti in percentuali sproporzionate nelle scuole per bambini con disabilità mentali e sono segregati in quelle normali”.

Dal 2017 Orbán è poi sotto attacco dalla Ue per le sue leggi contro le università straniere operanti in Ungheria e contro le organizzazioni non governative nel Paese. Il bersaglio, che sollecita pulsioni di un antisemitismo ormai esplicito, è sempre il finanziere George Soros, con la sua Central European University che doveva diffondere i valori occidentali nei Paesi ex sovietici. Anche se Soros ha finanziato gli studi a Oxford del giovane Orbán, a febbraio 2018 il governo ha fatto approvare il pacchetto di norme “stop Soros” che ha messo fuori legge l’università del finanziere nato proprio a Budapest nel 1930.

Oggi il Parlamento deve decidere se tutte queste politiche elencate nel report Sargentini sono compatibili con i valori Ue o vanno sanzionate. Un voto che segna uno spartiacque per capire cos’è rimasto dell’Unione europea.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Olimpiadi 2026

I sindaci da Giorgetti: “Ora ho più certezze”. Palla ai vicepremier

Incontropositivo, non ancora decisivo. Giancarlo Giorgetti ha completato la serie di riunioni con i sindaci di Milano, Torino e Cortina, le tre candidate ai Giochi invernali del 2026. Dopo Beppe Sala lunedì, ieri è toccato a Chiara Appendino e Giampietro Ghedina. I sindaci continuano a rivendicare un ruolo da protagonista per le loro città, ma sembrano aver seppellito l’ascia di guerra (specie Sala, il più bellicoso). Infatti il sottosegretario si dice soddisfatto: “Ora ci sono più certezze che dubbi”, ha detto. Ancora di più Giovanni Malagò, nonostante un piccolo battibecco col governatore piemontese Chiamparino sulle colpe dell’abbandono della pista di bob a Cesana: il Coni è sempre più vicino a portare a casa la sua candidatura tricolore. L’appoggio del governo, però, non è ancora ufficiale, anche perché l’esecutivo dovrà fornire le garanzie economiche al progetto: “Dobbiamo fare una valutazione dei costi-benefici”, conclude Giorgetti. Per sciogliere la riserva ci vorrà un’ultima riunione di maggioranza: la questione è soprattutto politica e probabilmente l’ultima parola spetterà a Salvini, Di Maio e al premier Conte.

Politica
La festa il 20 e 21 ottobre

Di Maio vede Grillo e studia la strategia per le Europee

Il battesimo della quinta edizione di #Italia5Stelle, la kermesse che ogni anno riunisce esponenti e sostenitori del Movimento, lo tiene il quartier generale grillino: Beppe Grillo, Davide Casaleggio e Luigi Di Maio, riuniti a pranzo all’Hotel Forum di Roma. L’annuncio arriva insieme al selfie di rito, postato ieri sui profili social del Movimento e del vicepremier: “Poco fa ci siamo visti e abbiamo un importante annuncio per tutti voi. Il 20 e 21 ottobre ci vediamo tutti a Roma, al Circo Massimo, per la quinta edizione di Italia 5 Stelle”. A questa edizione, la prima da quando il Movimento è al governo, parteciperà anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, proprio nello stesso weekend in cui Matteo Renzi, a Firenze, organizzerà la nona edizione della sua Leopolda. Ma è chiaro che, al di là della festa, Di Maio e i fondatori del Movimento hanno discusso anche di come uscire dall’angolo, schiacciati dal protagonismo di Matteo Salvini: “Dobbiamo tornare alle origini, riprendere i nostri temi”, è il senso del discorso che Grillo e Casaleggio hanno fatto a Di Maio. Le Europee si avvicinano, il rischio batosta preoccupa tutti e tre.

Cronaca

L’inchiesta e il processo

Politica

L’incognita numeri sulle sanzioni: oggi il voto a Strasburgo

Meloni fa la spesa e punta al sorpasso su B.
Politica
Saldi di palazzo

Meloni fa la spesa e punta al sorpasso su B.

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×