“Gli scrittori? Giocattoli in balia solo dei festival”

Arundhaty Roy: “In India l’antico sistema delle caste è una delle forme più crudeli di gerarchia”
“Gli scrittori? Giocattoli in balia solo dei festival”

L’industria del creative writing? Ha addomesticato gli scrittori che oggi producono letteratura innocua. Ma solo i romanzi possono raccontare cosa significhi vivere psicologicamente sottomessi nel Kashmir o in un territorio dominato dalla mafia”. Autrice indiana di culto, dopo vent’anni di attesa da Il dio delle piccole cose, Arundhati Roy è tornata in libreria con Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.