» Cronaca
sabato 19/08/2017

Migranti, l’ex poliziotto e dipendente della società che denunciò le ‘manovre’ delle Ong: “Unico interesse è bloccarle”

L’intercettazione - Le parole di Gallo, ex poliziotto, dipendente della società che denunciò le “manovre” delle navi umanitarie

“Il nostro obiettivo? Era mettere la questione Ong sul tavolo politico. Per trovare soluzioni e imporre regole più rigide a chi operava nel Mediterraneo”. Non c’era soltanto l’intento di denunciare in Procura, quindi, né era stato sufficiente inviare più informative all’Agenzia informazioni e sicurezza esterna (Aise). No, l’ex poliziotto Pietro Gallo, della Imi Security, aveva contattato, insieme con la collega Floriana Ballestra, anch’ella ex poliziotta, la segreteria di Matteo Salvini e quindi la Lega Nord. Dice di aver provato anche con il M5S, con Alessandro Di Battista dal quale, però, non avrebbe ricevuto risposta. Il Fatto ha provato a ricostruire alcuni passaggi a margine dell’inchiesta condotta dalla Procura di Trapani sulle ong Jugend Rettet, Save the Children e Medici senza Frontiere. Un’indagine – partita proprio dalle denunce di Gallo e del titolare della Imi Security, Cristian Ricci – che ha finora riscontrato gli scenari segnalati da Gallo e colleghi. Al punto da ipotizzare, per alcune singole condotte, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: segno che, nelle loro deposizioni, hanno detto il vero. Altri punti però meritano di essere chiariti per comprendere meglio la vicenda.

Uno dei personaggi chiave è proprio Pietro Gallo che è un testimone e non un indagato. Abbiamo chiesto a Ricci quando ha assunto Gallo nella Imi. Risposta: “Settembre 2016, pubblicando un’inserzione”. E quindi: l’ex poliziotto viene assunto a settembre e, nello stesso mese, già invia all’Aise un’informativa su alcuni episodi (poi riscontrati dalla Procura) che riguardano le Ong. Episodi emersi nei suoi primissimi giorni di lavoro. Che inizia il 5 settembre. Il suo titolare, Cristian Ricci, sapeva che Gallo informava l’Aise? “No – dice Ricci – l’ho saputo soltanto dopo”. Una fonte riservata ci spiega che Gallo avrebbe contattato anche altri funzionari dei Servizi segreti. E che saprebbe che queste nuove informazioni, a breve, potrebbero essere pubblicate dai giornali. Perché Gallo informa l’Aise? Li informa una sola volta? Lo fa prima o dopo la denuncia alla Procura di Trapani? Glielo abbiamo chiesto. Attraverso l’avvocato Vincenzo Perticaro, che lo assiste, Gallo ci fa sapere che, sui suoi rapporti con l’Aise, preferisce non rispondere. Eppure non vi sarebbe nulla d’illecito. Perché questo riserbo? Il dato – peraltro – non sposterebbe di una virgola la solidità dei riscontri trovati dalla Procura di Trapani. Anzi. Di lì a poco, infatti, la Procura di Trapani, che da anni gestisce decine di fascicoli sull’immigrazione clandestina, può contare sull’élite investigativa del ministero dell’Interno: lo Sco della Polizia di Stato. Sarà un caso, ma fino a settembre, seppur sommersi di fascicoli, le indagini per questo reato, a Trapani, erano affidate a pochi instancabili agenti della Squadra Mobile.

Ma andiamo avanti. Dagli atti emergono un paio di intercettazioni che meritano attenzione.

La prima. È il 27 febbraio 2016. L’inchiesta è partita da soli cinque mesi. Ricci valuta di aprire una società a Malta. “Senti, io ho questa idea – dice Ricci a Gallo – …di fare una società a Malta con la quale lavorare… perché pagando meno tasse… mi permette di aumentarvi lo stipendio…”. “Per me non è un problema… che me frega a me?”, risponde Gallo. Non gliene frega niente. Eppure, si sta parlando del suo stipendio. Ricci lo incalza: “… ho paura che adesso si dica: ‘ora fa la società a Malta per non avere problemi’…”. Al Fatto Ricci spiega: “Gli chiedevo se, secondo lui, creando una società a Malta, per motivi fiscali, qualcuno avrebbe potuto sospettare di noi”. Chi poteva sospettare? “I poliziotti che indagano”, spiega Ricci. Intanto Gallo, al telefono, lo tranquillizza. Ma Ricci insiste: “Non puoi sentire qualche…”. Ecco: chi dovrebbe sentire, Gallo, per tranquillizzare Ricci? “Volevo che lo chiedesse ai poliziotti che stanno indagando sulle Ong”, spiega Ricci, “e comunque questa società non l’ho creata”. Gallo per tranquillizzare ulteriormente Ricci, aggiunge: “Gli interessi so’ altri Cristian. Gli interessi so’ soltanto… ma non bloccare Save the Children, blocca’ tutte ‘ste Ong, hai capito Cristian?”. Come dire: a nessuno interessa se crei una società a Malta. Il motivo? Gli interessi sono altri. Quali? Bloccare le Ong.

Ma a chi si riferisce Gallo? “Credo – spiega Ricci – che si riferisse ad ambienti politici. Ma non so quali. Non so se millantava rapporti che non aveva”. Il punto è che questa non è una chiacchiera da bar. Gallo è un testimone chiave; fa partire un’indagine sulle Ong; invia informazioni all’Aise; prova a contattare il M5S; sostiene di averne parlato, attraverso una sua collega, anche con la Lega. Sa quel che dice: chi, secondo lui, era interessato a bloccare le Ong? “Io no”, spiega Ricci, “perché la mia società lavora per loro”. Si riferiva agli investigatori? Inimmaginabile. Perseguono reati. Non interessi. Ma allora chi? Imprecisati “ambienti politici” come ritiene Ricci? O ambienti dei servizi, con i quali è entrato in contatto? Gallo non intende spiegarlo. Eppure la sua profezia s’è avverata: le Ong in mare, in questo momento, sono pochissime.

Attraverso il suo avvocato ci fa sapere: “Preferisco non rispondere perché ci sono indagini in corso”. Ma le indagini riguardano le Ong. Non chi – stando alle sue parole – avrebbe avuto interesse a bloccarle. Gallo evoca il segreto d’indagine? Eppure, dopo l’apertura dell’inchiesta, si attiva per contattare la segreteria di Matteo Salvini. “Non pensava all’aspetto del reato – spiega l’avvocato Perticaro – ma al suo rilievo politico”. È l’unico punto sul quale Gallo risponde: la politica.

Nelle intercettazioni appare bene informato sull’iter delle interrogazioni parlamentari. “La Meloni”, dice, “non sapevo che s’è affiancata a Salvini, me lo hanno detto stamattina… stanno facendo un’interrogazione parlamentare sulla Golfo azzurro… quell’articolo che ti ho inviato… un gran casino, capito?”. È il 1° marzo, quando Gallo dice queste parole, e la leader di Fratelli d’Italia, quell’interrogazione parlamentare sulle Ong, la presenta nello stesso giorno. Anzi: nelle stesse ore.

“Mai conosciuto Gallo”, dice al Fatto la Meloni, “né altri dipendenti della Imi Security. Lo stesso vale per l’intero gruppo parlamentare”. E Salvini? Ci risponde con un sms: “Non conosco Gallo né la società, ma li avrei incontrati volentieri”. Forse – chiediamo – hanno contattato qualche parlamentare della Lega per presentare interrogazioni? Altro sms: “Può darsi, molti operatori della sicurezza ci danno suggerimenti”. Nel frattempo Gallo, sempre attraverso l’avvocato, precisa di “aver contattato, insieme con Floriana Ballestra, che se n’è occupata personalmente, la segreteria politica di Salvini. Che ha prima dato un riscontro telefonico, poi non ha fatto nulla di concreto. Sebbene – ci tiene a sottolineare – i due l’avessero informato di cosa avevano visto nel Mediterraneo”. Salvini, su questo punto, non risponde.

Di concreto, comunque, c’è l’inchiesta di Trapani per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La procura riscontra le denunce, indaga alcuni volontari di Jugend Rettet, Save the Children e Medici senza Frontiere, spiegando che, con l’esclusivo scopo di salvare vite, a volte hanno violato il codice. Per esempio, riconsegnando agli scafisti un barcone.

Ma a Gallo non bastava: nel frattempo, chissà perché, cercava di mettere la vicenda Ong nell’agenda politica del Paese.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Mondo

Perché i terroristi stanno vincendo

Cronaca

“NYT, zero tituli”: il governo chiude il caso Regeni

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×