“Commissario Ricciardi, c’è il cadavere di un prete”

Pubblichiamo un estratto dall’undicesimo “capitolo” dello scrittore napoletano È il maggio del 1933 e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si ferma
“Commissario Ricciardi, c’è il cadavere di un prete”

Certo il tram non era il massimo per raggiungere il luogo in cui era stato rinvenuto un cadavere, ma, come aveva detto serafico al commissario Ricciardi (…) si trattava appunto di un cadavere che, per sua natura, non aveva fretta. “Io poi mi domando e dico, commissa’. ma queste due macchine mi spiegate che le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.