» Commenti
venerdì 09/02/2018

Col proporzionale il nemico più vero è il partito più vicino

Nella tarantella del proporzionale il partito più vicino è il vero avversario da battere mentre il nemico più lontano, in fondo, non è poi così nemico. Proviamo a spiegarci con il ruolo elettorale svolto dai fascisti di Casapound e di Forza Nuova, ma con una premessa. Nel Pd, dopo i fatti di Macerata tutti a stracciarsi le vesti, da Graziano Delrio a Marco Minniti, perché “la democrazia è in pericolo”. Per carità, anche a noi fanno senso le teste rapate che inneggiano al fascioleghista che spara sulla gente di colore per poi essere acclamato quando finisce in cella (tutto si tiene) dai detenuti di Ancona.

Prima del piagnisteo, però, la sinistra dovrebbe interrogarsi sul fattivo contributo fornito al risorgere dell’onda nera grazie: 1) al discredito gettato per anni a palate sulla democrazia dei partiti 2) all’abbandono al loro destino delle periferie per meglio alloggiarsi nei più confortevoli centri storici 3) alla gestione troppo spesso insensata del binomio immigrazione-accoglienza. Questi ministri così giustamente allarmati dovrebbero anche rileggere qualche istruttiva cronaca degli anni 80 quando il Movimento Sociale, diretta emanazione della Repubblica di Salò, arrivò a sfiorare il 10 per cento dei voti mentre la ripugnante competizione tra terrorismo nero e rosso seminava di cadaveri le strade.

Detto che ne abbiamo viste di peggio, è abbastanza intuitivo che il fascismo del Terzo millennio, nelle sue molteplici sembianze, oggi potrebbe togliere soprattutto voti alla Lega. Tant’è che Matteo Salvini un accordo elettorale con Casapound lo aveva anche stretto, poi saltato nel 2016 a causa del successivo patto con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni. Con l’equazione più voti al fascio meno alla Lega ad averne il maggior vantaggio sarebbe, nella competizione a destra, l’uomo di Arcore. Che nel caso Forza Italia prendesse quel voto in più del Carroccio che gli consentisse eventualmente di designare il premier, riconoscente dovrebbe donare un bel cadeau ai camerati dello sparatore Traini.

Come si dice, non tutto il nero vien per nuocere. Sempre per il sistema dei vasi comunicanti non sfugge poi che alla caduta nei sondaggi dei Democratici corrisponda un incremento della lista +Europa di Emma Bonino. Voti in libera uscita dal Pd ma che intendono comunque restare nel centrosinistra. Coalizione voluta fortemente da Matteo Renzi che, tuttavia, il 5 marzo potrebbe fare i conti con le pretese di uno scomodo cespuglio che si crede albero. Nella sinistra-sinistra non va meglio a Liberi e Uguali che, dopo aver sottratto al Pd un 3% di voti almeno, è alle prese con gli agguerriti compagni di Potere al Popolo. Visto che entrambi i simboli pescano nello stesso serbatoio “antagonista” la soluzione politicamente più sensata sarebbe stata la presentazione di una lista unica. Giammai, altrimenti che razza di fratelli coltelli sarebbero?

In queste elezioni, dunque, niente (o molto poco) è come sembra. Tranne forse per i Cinque Stelle che i voti provano a perderli anziché incrementarli. Per esempio con la storia del programma copiato da Wikipedia e Legambiente o quando Alessandro Di Battista sostiene che gli italiani sono “un po’ rincoglioniti” suscitando vive simpatie nell’elettorato.

Ma loro, come sempre, fanno tutto da soli.


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Insieme a Salerno: Ordine & frittura

Ordine, disciplina e frittura di pesce. Proprio mentre a Macerata si svolge la manifestazione antirazzista che voleva far vietare, domani pomeriggio il ministro dell’interno Minniti sbarca a Salerno per un comizio elettorale. A San Gregorio Magno, per la precisione. Sul palco con lui c’è la senatrice uscente e candidata del Pd Angelica Saggese e soprattutto il sindaco di Agropoli, il mitologico Franco Alfieri (pure lui candidato ma alla Camera). Per chi non lo sapesse, è l’uomo descritto con queste parole dal governatore Vincenzo De Luca, all’epoca della campagna per il referendum costituzionale: “Franco Alfieri, come sa fare lui la clientela, lo sappiamo. Una clientela organizzata, scientifica, razionale, come Cristo comanda. Franco, vedi tu come Madonna devi fare, offri una frittura di pesce, portali sulle barche, sugli yacht, fai come cazzo vuoi tu, ma non venire qui con un voto in meno di quelli che hai promesso”. Il povero Alfieri, suo malgrado, resterà per sempre intrappolato in questa ineffabile definizione. Che non ha impedito al Pd di metterlo in lista in uno dei collegi campani della Camera, e al ministro legalitario Minniti di dividere il palco con lui durante la campagna elettorale. Era abituato a un altro genere di pescherecci.

Politica

La manifestazione spacca la Cgil, LeU e pure il Pd

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 09/02/2018

Commenti
Il sabato del villaggio

Promemoria su media e politica al nuovo leader

di
Commenti

Non è democrazia, È bonapartismo

di
Commenti
Lo dico al Fatto - Weinstein

La speranza è che anche da noi chi l’ha fatta franca venga punito

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×