“Ci lecchiamo le ferite, non è poi così tanto triste”

Un anno dopo, il Secondo Volume. Bianconi: “Scrivere d’amore è molto difficile, si rischia di fare musica leggera”
“Ci lecchiamo le ferite, non è poi così tanto triste”

C’è chi non vuole saperne nulla “del tuo passato e di chi ti ha toccato il culo”, ma in fondo conosce bene “il dolore che si indossa d’inverno”, ossia “l’unica certezza di ogni amante mortale, il fatto che mi manchi da morire”. C’è chi sta in mezzo a un guado, dove “perfino la tua assenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.