» Commenti
martedì 19/06/2018

Che stoffa, Mister Conte: elogio del presidente sobrio

Che stoffa, Mister Conte: elogio del presidente sobrio

Mea culpa, mea culpa. Questo diario assai si pente del giudizio frettoloso e superficiale espresso sulla figura governativa di Giuseppe Conte. E si sparge il capo di cenere davanti agli italiani che si sperticano in lodi sul presidente del Consiglio (57% i favorevoli, sondaggio dell’insospettabile Repubblica). Mea maxima culpa. Lo stolto estensore di queste righe molto si duole di non aver compreso in tempo di che stoffa fosse l’avvocato di Volturara Appula.

Altro che l’anonimo Mister X. Un Signor Nessuno che ha vinto alla lotteria. Un povero Re Travicello, vaso di coccio tra Salvini e Di Maio. “Fantastic”, ha esclamato Donald Trump dopo averlo conosciuto. “Gli accordi si fanno tra leader”: soltanto io e te, ha poi sussurrato abbracciandolo Emmanuel Macron, letteralmente estasiato dal nuovo amico italiano. Per non parlare di frau Merkel, impaziente di averlo con sé a Berlino. Largo al factotum della città – largo. Presto a bottega che l’alba è già – presto. Ricordare il popolarissimo Figaro, nella cavatina rossiniana del Barbiere di Siviglia, non significa certo perseverare nell’imperdonabile sottovalutazione del premier. Anzi, è un sincero elogio per il suo attivismo sobrio, pragmatico, ricco di empatia. Nell’italico cortile si spellano le mani per i modi trucibaldi di un Matteo Salvini nel trattare i problemi dei migranti. Con i suoi raus che bloccano le Ong ma non gli arrivi. Eppure, nel magnificare “quanto paghi l’essere duri sull’immigrazione”, il ringhiante inquilino della Casa Bianca cita forse il padano che gli implorò una photo opportunity (Salvini who?)? Certo che no. Fantastic è piuttosto il devoto di Padre Pio che non si esibisce nei comizi con un rosario verdognolo (quello che il bambinello irregolare lo avrebbe espulso da Betlemme insieme a mamma, papà e asinello). E lo straordinario calore del presidente francese nei confronti del collega venuto dalla Magna Grecia, ben vestito e ben rasato, non significa forse sollievo e liberazione dall’incubo di dover trattare con il socio della Le Pen? Oh, bravo Figaro! Pronto a far tutto la notte e il giorno sempre d’intorno in giro sta. Sentimenti condivisi dalla cancelliera tedesca alle prese con un Salvinen ancora più achtung banditen: quel truce Horst Seehofer, da cui traspare un misoginia che viene da un triste passato (“con questa donna non posso più lavorare”).

Teniamocelo stretto Giuseppe Conte. Soprattutto se confrontato con gli eroi di Tor di Valle. Non sarà un De Gasperi (ma chi lo è più stato?). Non sarà stato eletto (visti certi ceffi usciti dalle urne è davvero una disgrazia?). Si perde gli appunti (come può capitare a tutti). Non sfonda lo schermo televisivo (alleluja). Però sa leggere (e scrivere). Però insegna all’università. Ha una professione che gli dà da vivere (l’avvocato, ma non del popolo, per cortesia). Non frequenta Parnasi. Non va a cena con Lanzalone. Non pretende biglietti omaggio per le partite della Roma (così speriamo). Non raccomanda figli o fidanzate (per il momento). Conosce le lingue. Non è scostante. Non fa il bullo. E quando viaggia per le Capitali del mondo viene accolto con rispetto. Coi tempi che corrono vi sembra poco? Ah, bravo Figaro! Bravo bravissimo a te fortuna non mancherà.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Contro Cathy la torre

Minacce all’avvocato attivista Lgbt: “Ti sparo in fronte”

La minaccia gliel’hanno scritta direttamente sul suo profilo Facebook: “Cathy La Torre pedala… che presto mentre pedali ti arriverà un colpo di pistola sulla fronte. Nessun compromesso con le lesbiche. Nessuno”. E a corredo, l’immagine di una pistola puntata. Questo il messaggio lasciato sotto un post dedicato al caso della nave Aquarius di La Torre, avvocato bolognese ed ex consigliere comunale di Sel, da anni in prima linea per i diritti Lgbt. È stata lei stessa a renderlo noto sui social, spiegando di aver denunciato tutto alla Digos. Mentre all’Ansa ha spiegato: “Non mi era mai capitata una cosa del genere ci sono stati insulti, ma mai così pesanti e intimidatori. È una cosa che mi mette ansia perché evidentemente questa persona conosce le mie abitudini”. Sul caso ora indaga la polizia postale. E l’ipotesi è che quello usato per le minacce sia un profilo finto, ma a quanto si è appreso le possibilità di individuarlo sarebbero ritenute buone, visto che la denuncia è stata fatta a poche ore di distanza dalla pubblicazione del commento. E in questi casi la prima cosa che fanno gli investigatori è “congelare” i dati telematici, che possono permettere di risalire all’autore del post anche se il profilo è stato eliminato.

Politica

“Sulla riforma di Dublino Lega non pervenuta”

Politica

L’ultima impresa di Renzi la lince

Commenti

Mail Box

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×