Dopo la Francia, sul fronte migranti Conte incassa anche l’appoggio della Germania: la priorità numero uno è potenziare Frontex, tutelare le frontiere esterne e collaborare con l’Italia. Anche allestendo centri di prima identificazione nei Paesi africani tra cui la LibiaAngela Merkel lo dice davanti ai giornalisti, nel corso di una breve conferenza stampa dove vengono messi sul tavolo i temi al centro del vertice che inizia pochi minuti dopo: migranti e fondi dell’Unione europea per l’inclusione sociale, che comprende anche il reddito di cittadinanza oltre alla lotta alla povertà e alla riforma dei centri per l’impiego.

“L’Unione europea deve cambiare approccio” perché l’Italia “non può continuare a fare da sola” sui migranti, ha detto a fianco della Cancelliera il presidente del Consiglio. Che per quanto riguarda la riforma del trattato di Dublino, al centro del Consiglio europeo del 27 e 28 giugno, è stato netto: è ormai “superata dai fatti”. In sostanza, “servono soluzioni europee, senza innescare dinamiche bilaterali che rischiano di costituire la fine di Schengen“. L’Europa, ha continuato, “deve contrastare gli indegni traffici umani” legati all’immigrazione e “servono adeguati meccanismi di solidarietà” perché “la posta in gioco per l’Europa è altissima. I temi dell’immigrazione e della governance economica dell’Ue possono e devono essere occasione per costruire un’Europa più forte e più equa che possa rispondere ai bisogni primari dei cittadini”.

“Stabilizzare la Libia” – Dichiarazioni accolte favorevolmente dalla Cancelliera. “L’Italia è uno dei paesi che accoglie e ha accolto molti migranti”, ha detto, specificando di volere “collaborare molto strettamente” su questo tema. “Anche la Germania è colpita molto direttamente”, dunque è interesse di tutti. “Su richiesta dell’Italia, vogliamo aiutare anche con la nostra solidarietà, la solidarietà in Europa è una cosa che la Germania accoglie a braccia aperte”. La Cancelliera concorda anche con la proposta di Conte di “continuare a lavorare per la stabilizzazione” della Libia. “È fondamentale – ha puntualizzato il premier – sostenere le autorità libiche nel contrasto ai network criminali che sfruttano l’immigrazione. Apprezziamo la disponibilità della Germania, ma anche in questo campo l’Europa deve dare prova di concreta solidarietà”. Una stabilizzazione “affinché la Libia possa prendersi cura dei migranti prima che partano per le nostre coste, magari attraverso l’Oim o l’Unhcr“, ha detto Merkel, che approva così la proposta degli hotspot in Africa lanciata nei giorni scorsi dal ministro degli Esteri Moavero Milanesi, avallata anche da Macron in occasione dell’incontro con il premier italiano. Anche questa sarà sul tavolo del Consiglio europeo di fine giugno e piace già ad Austria, Belgio e Danimarca. “L’Italia è uno dei Paesi che ha accolto e accoglie moltissimi migranti e profughi – ha continuato la Merkel -. Bisogna vedere come riuscire a stabilizzare il governo della Libia, come possiamo formare la guardia costiera libica e come possiamo aiutare questo Paese affinché possa prendersi cura dei migranti prima che partano per le nostre coste, magari attraverso Oim o Unhcr“. Merkel quindi evidenzia come “importante e complesso compito è anche lo sviluppo del continente africano e il ‘trust’ africano (dell’Ue, ndr) deve essere dotato di più mezzi”.

Germania: “Sulla disoccupazione giovanile disponibili ad aiutare l’Italia” – Ma oltre al fronte migranti, Conte insiste su quello che definisce il “tema cruciale del mio governo”, cioè “la lotta alla povertà e il reddito di cittadinanza, la riforma dei centri di impiego”. Inoltre, ha continuato, “in sede di discussione del quadro finanziario faremo pesare la nostra voce per orientare i fondi europei verso misure di sostegno proprio a favore dell’inclusione sociale. Personalmente – ha aggiunto Conte – non posso come responsabile del governo rimanere indifferente a certi dati: lo scorso anno 2,7 milioni di italiani hanno ricorso a mense per i poveri e pacchi alimentari. La nostra proposta sul reddito di cittadinanza va in questa direzione e l’Europa è essenziale. Dalla Germania possiamo prendere esempio sugli strumenti da utilizzare”. “Il mio governo ha come obiettivo primario combattere la povertà, aiutare i disoccupati a reinserirsi nel mondo del lavoro”, ha chiosato il premier.

Sulla disoccupazione giovanile, ha spiegato Merkel, Berlino è “a disposizione per aiutare, ove necessario. È importante intavolare un discorso e collaborare, lo avevo già detto al premier Conte in Canada (al G7), nel frattempo si sono incontrati i nostri due ministri del Lavoro”. Secondo la cancelliera, bisogna “trarre profitto da quelle che sono state le nostre esperienze, anche dopo la riunificazione tedesca, noi possiamo dare suggerimenti, se sono necessari, vogliamo essere a disposizione per poter aiutare, se necessario, ove necessario”. Il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha poi specificato che giovedì in Lussemburgo chiederà “di incontrare il ministro del Lavoro tedesco perché ho intenzione di portare avanti – se ci sarà la possibilità – un progetto con loro che hanno i centri impiego più efficienti d’Europa”. I Cpi “devono essere un’opportunità non un’umiliazione per chi cerca lavoro, in Italia sono spesso poco attrezzati per tutte la gente che cerca lavoro”, ha ammesso il ministro.