Fontana vede la Madonna, non la caccia al marocchino

9 Dicembre 2022

Dopo aver reso omaggio su Twitter alla Madonna nel giorno dell’Immacolata Concezione, forse il presidente della Camera, onorevole Lorenzo Fontana, per cristiana coerenza, avrebbe fatto bene a spendere una parola di solidarietà nei confronti della donna marocchina rimasta ferita dai vetri infranti della sua auto, assalita con dentro i suoi bambini nel centro di Verona da squadristi incappucciati che a Fontana non sono di certo ignoti. Più volte, in passato, lo si era visto sfilare insieme a loro, i fascistissimi ultras della curva dell’Hellas, pseudo-tifosi per i quali “squadra fantastica” fa rima con “svastica”.

Martedì sera questi energumeni si sono dedicati a una vera e propria caccia ai marocchini residenti a Verona (molti dei quali, peraltro, divenuti cittadini italiani). Gli riusciva insopportabile che i marocchini si permettessero di festeggiare la vittoria della Nazionale nordafricana agli ottavi di finale dei Mondiali in Qatar. La terza carica dello Stato, il devoto tradizionalista Fontana, nulla ha ritenuto di dire in proposito. Ha lasciato che in una lettera a L’Arena si esprimesse solo il suo fido leghista veronese Vito Comencini, minacciando di dare vita a ronde di cittadini autoconvocati dopo che il sabato precedente un cameriere era stato aggredito da quattro giovani magrebini. E il successivo pogrom scatenato martedì contro gli immigrati in festa? Come se non ci fosse mai stato. Anzi, minacciando le ronde, è come se i leghisti implicitamente lo benedicessero.

Povera Madonna invocata a sproposito, fingendo di non accorgersi di tante altre famiglie innocenti prese a sprangate da una teppaglia di cui Fontana ripetutamente si è fatto paladino. Solo che nel frattempo a lui è toccata una carica istituzionale importante, e con essa responsabilità pubbliche alle quali non dovrebbe più sottrarsi facendo lo struzzo.

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui