L’occhio di Pizzi

Bello e inaffidabile, il Califfo è stato il poeta più figo ed esagerato

Califano tra film, donne e carcere - "Era così, uno esagerato, che amava autocompiacersi. A volte si metteva della stoffa nelle mutande per mettere in risalto il suo pacco"

Di Umberto Pizzi
17 Agosto 2022

Tanti dicevano che Franco Califano era “bello e maledetto”, ma in realtà era soprattutto “bello e inaffidabile”. Nel 1979 aveva il ruolo di protagonista nel film Gardenia: il giustiziere della mala, un poliziottesco di un regista che conoscevo bene, Domenico Paolella. La produzione ci aveva messo un sacco di soldi e avevano chiamato attori americani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.