“Raffaella è stata la regina della Belle Époque della televisione italiana”. Ha una certezza Renzo Arbore: quella – allora – era la televisione più bella del mondo. E la Raffa nazionale era la protagonista. Che cosa ha rappresentato per lei la Carrà? Lei ha dominato in tivù in un periodo in cui la Rai faceva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Raffaella addio da Trieste in giù: grande amica del Fatto, ecco una parte delle sue interviste

prev
Articolo Successivo

Reggiani al Globe “sfida” gli Azzurri: “La partita? La vedrò registrata”

next