Un inganno in piena regola, che ha portato delle finte rinnovabili nei biocarburanti. Si tratta di oli vegetali, classificati come Uco, oli usati per fritture o cucina, che a quanto pare non hanno mai visto friggere nulla, ma sono finiti nel biodiesel sussidiati e pagati come rifiuto, quindi il doppio. Circa 100.000 tonnellate su un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno