“Un carcinoma al centro della città da estirpare”. È stato descritto così lo stabilimento chimico Caffaro di Brescia dal procuratore capo, Francesco Prete. L’impianto specializzato per circa un secolo nella produzione di vari composti derivati dal cloro è incluso tra i 41 Siti di interesse nazionale in attesa di essere bonificati. Le dichiarazioni sono state […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Addio a Coccoluto, il “deejay filosofo”: coi suoi vinili ha dato lustro al clubbing

prev
Articolo Successivo

Processo a Ferri, la difesa: “Esercita le sue funzioni di deputato, non di magistrato”

next