“In arabo il vento è Ruh, ma la stessa parola significa anche respiro e spirito. Mentre in ebraico Ruach ne amplia la sfera di influenza e include concetti di creazione e divinità. E il greco Pneuma, o il latino Animus hanno la fragranza non soltanto dell’aria, ma della vera sostanza dell’anima”. L’incipit di Storia del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Freeda, il gruppo editoriale che mette il marketing al servizio della cultura (o viceversa?)

prev
Articolo Successivo

Volare fa male (all’ambiente): ecco perché puntare sui carburanti biologici

next