“Ricordo quando andai da padre Alex Zanotelli nella baraccopoli di Korogocho, vicino a Nairobi. Durante la settimana non c’erano sempre celebrazioni in chiesa. Si andava nelle baracche, a trovare la gente, e si celebrava lì. La domenica c’era la grande messa dove ognuno portava la propria esperienza quotidiana. Ecco, io sogno che dopo il trauma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Chiesa si rivolta ai tempi del Covid

prev
Articolo Successivo

I processi targati Microsoft: arriva la spia in tribunale?

next