Ma alla fine qual è la natura segreta del jazz? Paolo Conte lo sa: “È un mistero di stampo teatrale. Se osservi un musicista di colore, il modo in cui si avvicina al microfono per l’assolo, i suoi passi avanti sono pura eloquenza”. L’avvocato è venuto di nuovo a Umbria Jazz per dispensare incantamenti, evocare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Von Karajan: l’antidivo che fece la rivoluzione

prev
Articolo Successivo

Poesia o microracconto? Non importa, purché funzioni

next