Il 2 luglio 2019 è una data che i vertici Eni ricorderanno a lungo. L’avvocato Giuseppe Calafiore, sentito dalla Procura di Milano, racconta che il braccio destro di Claudio Descalzi, Claudio Granata, ha chiesto a un testimone chiave di ritrattare le sue deposizioni. Quelle che riguardavano le sue accuse a Descalzi – oggi imputato per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Abuso d’ufficio, Saguto assolta. Resta imputata di corruzione

prev
Articolo Successivo

L’ossessione di Renzi: “Abbiamo perso per colpa delle fake news”

next