Lo dice, almeno un paio di volte: “Io sono un fatalista”. Quindi Luigi Di Maio, vicepremier, pluriministro e capo politico del M5S ostenta tranquillità sul futuro prossimo del governo: “Per me la finestra elettorale di settembre non si è mai aperta, poi non dipende solo da me. Ma non credo che un partito come la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La cattiveria 1207

prev
Articolo Successivo

L’audio russo era già dai pm Savoini adesso è indagato

next