Il disastro del ponte Morandi di Genova ha mostrato che Autostrade per l’Italia (Aspi) è inadempiente verso i suoi obblighi di concessionario e con colpe gravi verso gli interessi pubblici. Per questo lo Stato può revocare la concessione senza pagare le mega-penali regalate al gruppo controllato dai Benetton dalla convenzione del 2007. O quantomeno rinegoziare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Nomine, Macron ammette il fallimento

prev
Articolo Successivo

Morandi, un video fa tremare Aspi: fu lo strallo a cedere

next