L’ultima comunicazione ufficiale del Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia sulle attività economiche, dove si annida l’evasione fiscale più abitudinaria e consistente, risale al 2013. Quell’elenco dei soliti noti che le statistiche ci proponevano ogni anno e che risultava ormai noioso per tecnici e giornalisti. Ma era anche sempre più frustrante e motivo di rancore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Troppi assessori: a Rivoli la destra parte male

prev
Articolo Successivo

Il Csm-scandalo dura da 10 anni: ecco i pm puniti (e dimenticati)

next