Ha chiamato il partito con cui è arrivato alla presidenza a dicembre scorso “Movimento per la rigenerazione nazionale” (Morena). Ha definito la corruzione “la radice di tutti i mali del Messico”, ha dedicato alla lotta al malaffare l’obiettivo dei primi 100 giorni del suo governo conferendo all’esercito i poteri di scovare i corrotti, mossa questa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Amore e morte via Facebook: le trappole del seduttore sadico

prev
Articolo Successivo

Usa, il “bastardo mentitore” che toglie il sonno a Trump

next