“My Songs è la mia vita in canzoni. Alcune di queste ricostruite, altre ristrutturate o dotate di una nuova cornice, tutte comunque con un focus contemporaneo”. Pochi sanno del perenne desiderio di Sting di reincidere costantemente i suoi brani durante la sua lunga carriera. Ci aveva provato dopo Syncronicity tentando di rileggere in chiave elettronica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Balestrini è uscito dal Gruppo 63.Addio al Poeta dell’Avanguardia

prev
Articolo Successivo

Il “Puro desiderio” di Teresa, gatta dispettosa

next