In questa storia c’è chi se ne lava le mani, il ministro dell’Istruzione Bussetti, chi tira per la giacchetta addirittura il capo dello Stato, il provveditore di Palermo Anello, chi a parole scarica collega ministro e provveditore tendendo la mano alla professoressa sospesa, il vicepremier Salvini, e nel frattempo la Digos entra a scuola per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La sottosegretaria e i vecchi arnesi: il nuovo corso leghista nel Casertano

prev
Articolo Successivo

“Per noi è una seconda mamma”

next