De Il libro di G., nuova raccolta di versi di Vincenzo Ostuni – poeta, traduttore e editor di Ponte alle Grazie – colpisce anzitutto la rilegatura: la casa editrice Il Saggiatore ha dovuto tagliare e cucire la carta in un formato bizzarramente orizzontale, simile a quello dei blocchi da disegno o degli album di fotografie. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La testa perduta di Goya e l’enigma delle “Pitture nere”

prev
Articolo Successivo

I cani da Padoan, divagazioni sul principio

next