La testa perduta di Goya e l’enigma delle “Pitture nere”

La scrittrice Alex Connor alle prese con il mistero degli ultimi tempi del pittore, la sua malattia e quelle figure mostruose dipinte sulle pareti della casa “Quinta del Sordo”
La testa perduta di Goya e l’enigma delle “Pitture nere”

Secondo una leggenda, quando Francisco Goya venne seppellito nel 1828 nel cimitero di Bordeaux in Francia, qualcuno, in una notte di maggio, profanò la sua tomba e gli staccò la testa, trafugandola. Sembra infatti che un frenologo francese avesse incaricato dei ladri di cadaveri di consegnargli la testa del genio, al fine di studiarla. Vera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.