Secondo una leggenda, quando Francisco Goya venne seppellito nel 1828 nel cimitero di Bordeaux in Francia, qualcuno, in una notte di maggio, profanò la sua tomba e gli staccò la testa, trafugandola. Sembra infatti che un frenologo francese avesse incaricato dei ladri di cadaveri di consegnargli la testa del genio, al fine di studiarla. Vera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Avengers da nuovo corso: antirazzista e femminista

prev
Articolo Successivo

Versi per “G.”, il fanciullino di Ostuni dall’ecografia alla granita squagliata

next