Il 5 giugno 1940, Charlie Chaplin detta alla segretaria: “Ragione. Felicità. Gentilezza. Dolcezza. Umanità. Bellezza. Immaginazione. Integrità. Progresso. Tolleranza. Libertà. Avventura. Amore. Scienza. Democrazia”. A quei tempi, come di questi tempi, parole oltremodo necessarie, ma non solo: modelleranno il discorso che verrà, uno dei più celebri nell’ultracentenaria Storia del Cinema, quello finale del Grande dittatore. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Buenos Aires 1912: quando la “merce” eravamo noi

prev
Articolo Successivo

“Riparto dall’allegria: perché morire sani?”

next