“Antonio era un cittadino del mondo, ma si sentiva a suo agio soprattutto a Parigi. Era il luogo fatto per lui: una fucina di idee. La Francia è un paese che protegge gli artisti, un ruolo ancora più importante oggi che l’arte sembra perdere peso”. Maria José de Lancastre ci risponde al telefono da Lisbona […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bollette e battute: Kiev va al voto tra Timoskenko e il comico Zelensky

prev
Articolo Successivo

“Prima mi fidavo delle cartomanti, ora solo dei libri”

next