A dieci anni dalla morte, il nome di Michael Jackson ritorna sulle prime pagine a causa del documentario Leaving Neverland, trasmesso in questi giorni anche sulla televisione italiana e prodotto da HBO. Il docufilm vede Wade Robson e Jimmy Safechuck, due dei numerosi bambini che dagli anni 80 seguivano Jackson in tournée e che spesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Magna Charta a Vercelli per festeggiare Sant’Andrea

prev
Articolo Successivo

La libreria muore (e il libro non si sente tanto bene)

next