Ci sono molti modi di umiliare la libertà di stampa e il lavoro dei giornalisti. Da otto anni Concita De Gregorio, storica firma di Repubblica, ex direttrice dell’Unità, ne sperimenta uno particolarmente subdolo: “Ogni centesimo che ho guadagnato mi è stato sequestrato per pagare le cause civili dell’Unità al posto di un editore che nel tempo si è fatto nebbia”. Cioè, è scomparso dietro i tecnicismi del concordato fallimentare. Quell’editore, la Nie, Nuova iniziativa editoriale, di fatto è il Partito democratico che dello storico giornale fondato da Antonio Gramsci ha mantenuto il controllo nel corso del tempo.

Perché dici di pagare per responsabilità non tue?
Perché nel 2008 vengo chiamata da Renato Soru, astro nascente dell’imprenditoria italiana, per assumere la guida dell’Unità. Accetto senza essere mai stata iscritta al Pci o al Pd, ma perché in quegli anni, Berlusconi che torna al governo, il Bunga bunga che avanza, mi sembra giusto impegnarmi per fare qualcosa.

La direzione dell’Unità dura dal 2008 al 2011.
Tre anni di opposizione in cui lo scontro con Berlusconi e il suo governo è totale. Noi la conduciamo con un giornale aperto, plurale, anche ‘pop’, ma pieno di nuovi talenti.

Tu lavoravi a Repubblica?
Mi licenzio per andare a guadagnare meno della metà. Portiamo l’Unità a 75 mila copie per poi scendere a 50 mila: una cifra non indifferente. Quando il segretario del Pd diventa Pier Luigi Bersani, mi chiama Matteo Orfini, allora responsabile dell’Informazione, e mi spiega che è venuto meno il rapporto di fiducia.

Ed è qui che comincia il calvario.
Quando la Nie, il mio editore, chiude con un concordato preventivo, tramite il quale cede la testata alla cordata guidata dall’imprenditore Pessina (e partecipata anche dal Pd, tramite la Eyu, ndr.) dismette la responsabilità civile per le cause di diffamazione. In quanto direttore, e in base alla legge sulla stampa del 1948, rispondo in solido per tutte le cause civili. Pago io, quindi, al posto dell’editore.

Le cause non riguardano tue colpe precise?
In 35 anni non ho mai perso una causa per diffamazione, non ho mai dovuto rifondere alcun danno. Se pago è solo per condanne che riguardano l’editore e i giornalisti sotto la mia direzione.

Da dove provengono le cause?
Le più importanti hanno nomi scontati: Berlusconi Paolo, Berlusconi Silvio, il generale Mori, la famiglia Angelucci, Fedele Confalonieri, Augusto Minzolini, Mediaset… e così via. Sono liti temerarie. Ma costano sia in termini di spese legali sia per le sentenze cautelative che dispongono pignoramenti e sequestri fino al giudizio definitivo. Parliamo di milioni di euro.

Come è possibile che Nie non sia responsabile?
In realtà io posso rivalermi su Nie, una sentenza del 2017 mi ha dato ragione su questo. Ma a chi mi rivolgo? In quella scatola non c’è nessuno che si assuma la responsabilità.

E il Pd?
Ne ho parlato con Lorenzo Guerini e Luca Lotti. La risposta è stata la stessa: tecnicamente non siamo gli editori e la legge non ci impone nulla. Ma qualcuno può davvero sostenere che il Pd non fosse l’editore dell’Unità?

Con Matteo Renzi hai mai parlato?
Non si è mai fatto vivo e io non l’ho cercato. Anche perché non lamento niente. Io ho la forza di difendermi da sola, ma vorrei difendere i ragazzi che fanno questo mestiere con editori volatili.

Servirebbe una legge?
Servirebbe una norma che affermi che in caso di fallimento di un editore non siano i giornalisti a pagare per colpe non loro. Mi pare un principio di civiltà, e di difesa del nostro mestiere. L’Ordine dei giornalisti e il sindacato di categoria dovrebbero occuparsene seriamente. La minaccia economica sul nostro mestiere è più subdola di altre e va contrastata con forza.

Ti rimproverano di aver fatto chiudere l’Unità e di essere solo una radical chic.
Dopo di me ci sono stati sei direttori e l’Unità ha chiuso dopo sette anni. Io ho sempre vissuto del mio lavoro e non posseggo nient’altro che la mia dignità e la passione per questo mestiere. Non possono farmi smettere di farlo, lo farei anche gratis perché è tutta la mia vita.

Articolo Precedente

Platea ridotta, troppi paletti e pochi lavori: i problemi del reddito

prev
Articolo Successivo

E il Fondatore appoggia il nuovo corso

next