Dodici promozioni in Serie A, una Coppa Uefa vinta, la Coppa Italia, anni e anni di massima serie, riconoscimenti ovunque, affetto condiviso, eppure a ottant’anni (oggi il suo compleanno: auguri, mister), Gigi Simoni quel sassolino non lo ha ancora tolto dallo scarpino, e alla seconda domanda rispetto alla sua vita-carriera, cambia tono e attacca: “Lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Adriano c’è, scommessa vinta da ultimo Amleto

prev
Articolo Successivo

“Da Pavarotti pasta alle vongole e lezioni di canto”

next